«Istituzionalizziamo le primarie per coinvolgere i cittadini»

Fassino la vorrebbe in lista a Milano, ma nel partito si teme per le «quote rosa»

Davide Corritore, uno dei quattro candidati alle primarie dell’Unione, ha chiesto di istituzionalizzare le primarie nello statuto del Comune di Milano, sul modello della Regione Toscana.
«Anche in considerazione del grande successo ottenuto domenica scorsa - spiega Corritore -, ritengo doveroso che nel prossimo mandato del consiglio comunale venga approvata una delibera che consenta ad entrambe le coalizioni di avvalersi della facoltà e delle strutture del Comune per procedere ad elezioni primarie. Nel caso in cui venissi eletto, mi farò carico di questa proposta nella quale anche i consigli di zona potrebbero essere individuati come luoghi di servizio e di voto per favorire lo svolgimento delle primarie».
Davide Corritore ha poi aggiunto: «Credo che sia molto importante valorizzare al massimo lo strumento delle primarie perché lo ritengo un’occasione determinante per riportare i cittadini alla partecipazione politica. Una considerazione che vale sia per gli elettori di centrosinistra, sia per quelli di centrodestra».
Subito dopo la giornata di voto delle primarie dell’Unione, Davide Corritore si era detto favorevolmente colpito dall’impatto positivo delle primarie sull’elettorato.