Italcementi Pesenti: «Italmobiliare pronta a tornare sopra il 50%»

Con la fusione tra Italcementi e Ciments Français (accolta male dalla Borsa di Parigi, con un calo di Cf del 12%), la holding della famiglia Pesenti, Italmobiliare, scende per la prima volta da 140 anni sotto il 50%, a quota 47% del gruppo. Un passaggio che Carlo Pesenti considera «importante: è quanto mettiamo sul piatto in questa operazione», come un dazio pagato per avere un gruppo più patrimonializzato, più liquido, e posizionato stabilmente tra i tre grandi produttori mondiali. Ma la risalita al 50%, dice Pesenti, è un’ipotesi allo studio: «È tecnicamente possibile senza il lancio di un’Opa. Tempi e modi dipenderanno dalle situazioni». La scelta della fusione, ha poi spiegato Pesenti prima di recarsi a un incontro con alcuni analisti organizzato da Mediobanca (advisor con Banca Leonardo) risponde all’esigenza «di prepararci per tempo a cogliere le opportunità della ripresa, che potrebbe partire da settori come il cemento». Anche se di tempi, Pesenti, non vuole parlare: «Ho vietato ai miei di parlare di 2009. Si vedrà dal 2010 in poi».