Italease, rosso a quota 479 milioni Benassi:«Ora l’aumento di capitale»

Il presidente: «Priorità alle nuove risorse». Vertice sulle inchieste tra i Pm di Milano e Roma

da Milano

Andamento della gestione positivo; nessuna sorpresa negativa soprattutto per quanto riguarda derivati e rettifiche di valore; incoraggiante sviluppo del business. La dichiarazione del presidente di Banca Italease, Lino Benassi, dopo il cda che ha approvato i conti dei primi nove mesi, è ottimista. «La banca - secondo Benassi - sta dimostrando piena vitalità». Resta il problema del funding: «Con il prossimo aumento di capitale le società di rating saranno in grado di apprezzare al meglio gli sforzi della società. Ciò consentirà alla banca di approvvigionarsi di risorse a migliori condizioni». Precedenza dunque all’aumento di capitale. «Subito dopo, la priorità assoluta sarà l’individuazione di un partner industriale di valore strategico».
Ieri, mentre in un vertice tra le procure di Milano e Roma i pm hanno fatto il punto sulle inchieste, Italease ha annunciato i risultati dei primi nove mesi dell’anno: la perdita netta è stata di 479 milioni di euro rispetto all’utile di 143,2 milioni dello stesso periodo 2006. La perdita è da attribuirsi principalmente al risultato netto negativo dell’attività di negoziazione in derivati per 701 milioni. L’aumento della perdita in derivati rispetto ai 685 milioni del primo semestre è dovuto principalmente ai costi di chiusura dei contratti con le controparti nel corso terzo trimestre.