Italia-Germania Niente auto in Darsena (e tuffi vietati)

Elena Gaiardoni

Naviglio bollente domani sera. Il punto centrale e più scenografico dove seguire un grande classico del calcio europeo, Italia-Germania, alle ore 21, sarà la Nuova Darsena, il luogo più gettonato per la scorsa Italia-Spagna anche dai tifosi non milanesi.

A partire dalle 16 gli accessi alla zona saranno controllati e presidiati da una rete composta dalla protezione civile, la polizia di stato, la polizia municipale e anche dai City Angels per impedire che il tifo non diventi un tuffo, nel vero senso della parola. «Divieto di balneazione» è la parola d'ordine, anche a risultato vincente. Insomma bisogna godersi la vittoria in un «caos calmo» tra la nazionale di Conte e la Nationalmannschaft, che scorrerà sul maxischermo allestito a bordo della storica chiatta «Barcun Nibbio». La partita è visibile anche sul cubo galleggiante del Darsena Summer Village.

Una sfida di birre italiane e tedesche proposta dal «Magnolia» accompagnerà la visione del match sul maxischermo all'Idroscalo e su quello all'Esperiece rEstateaMilano, il parco dell'area Expo 2015, dove si riaccenderà l'Albero della Vita. Per chi vuole gustarsi la partita in compagnia altri «cinema» saranno al Market Sound dei Mercati Generali e al Carroponte, dove lo schermo dell'ex Breda è tutto per la sfida italo-tedesca, essendo stata rinviata la sera Jammin Circus Reggae Party per lasciare spazio all'evento da brivido che potrebbe portare l'Italia in semifinale.

Altre due mega installazioni saranno al palazzo della Triennale e alla Fabbrica del Vapore tra gli spazi di ristorazione del Design Food Village. Gli azzurri contro i «neri», visto che il black è il colore preferito dalla nazionale di Low, si possono seguire al campo sportivo Venegoni Marazzini di Parabiago e al festival parco Tittoni a Desio.