Italia, ora si fa sul serio E il ct Prandelli punta su Viviano e Borriello

In cinque giorni il ct si gioca una fetta di qualificazione, tra Irlanda del Nord e Serbia. &quot;Questa volta le vittorie contano più del gioco&quot;. <strong><a href="/sport/le_altre_germania_rischio_zac_ct_giappone_debutta_largentina/08-10-2010/articolo-id=478749-page=0-comments=1">Le altre sfide</a></strong>: Germania a rischio

Quando il gioco si fa duro, anche gli improbabili duri diventano saggi e concreti. E così Cesare Prandelli, fedele al motto col quale inaugurò il proprio ciclo («prima il gioco poi il risultato») in Nazionale, è già pronto a correggere la rotta. Così volando verso Belfast e lo snodo decisivo del girone di qualificazione europea (due sfide chiave in quattro giorni contro Irlanda del Nord e poi Serbia a Genova), può spedire un messaggio ai naviganti azzurri. «Resto sempre convinto che le vittorie arrivino attraverso il gioco, ma questa volta i tre punti sono l’obiettivo primario. Tornare dall’Irlanda con una sconfitta e i complimenti al bel gioco sarebbe un problema» il suo predicozzo.
Ammettiamolo: sarebbe un problema per la qualificazione e anche una beffa atroce per i suoi propositi futuri, un colpo duro alla credibilità della missione lunga appena 100 giorni.

Nonostante le assenze eccellenti (in cima alla lista naturalmente Buffon seguito da molti altri, Balotelli l’ultimo della serie) e la mancanza di nuovi talenti da scovare e battezzare in azzurro. Non ci sono - ecco il vero, unico vantaggio di Prandelli rispetto al suo predecessore Lippi - convocazioni discutibili capaci di rinfocolare un dibattito polemico: persino talune scelte, come il giovane Viviano in porta preferito all’incerto Sirigu, oppure il centravanti Borriello mandato in avanscoperta rispetto a Pazzini da utilizzare martedì a Genova, sono accompagnate dal consenso preventivo di critica e addetti ai lavori. Anche la presenza, nel trio di centrocampo, di Mauri al fianco della sacra coppia (De Rossi-Pirlo, il braccio e la mente) è vissuta come un premio legittimo al primato della Lazio e un’occhiata inevitabile alle novità del campionato.

L’unico punto sul quale è bene mettersi d’accordo è sul disegno tattico: con Pepe dietro Cassano e Borriello è bene non parlare di 4-3-3 classico. Lo juventino, utilizzato anche a sinistra da Delneri per fare spazio al ciclone Krasic, può aiutare la compagnia a rendere più resistente il centrocampo, preso di petto dagli irlandesi che nel loro stadio-trappola (si gioca nella capitale dell’Ulster, la patria di George Best, al Windsor Park, ore 20.45 l’inizio, arbitra un francese, Tony Chapron) hanno l’abitudine di puntare tutto sul clima agonistico e sulla corsa. Gli irlandesi non hanno una grande tecnica collettiva e neanche una riconosciuta abilità tattica eppure sono reduci da una apprezzabile impresa, vincere in Slovenia non è proprio compito agevole.

«Mi aspetto molto da tutti, non solo da Cassano». La seconda frase-civetta di Prandelli è destinata a chi pensa che l’Italia possa salvare la pelle solo grazie a Fantantonio mentre è indispensabile comportarsi da squadra per uscire vivi, e con un successo, da quello stadio che nel passato procurò una storica delusione al calcio italiano. Sotto pressione e sotto osservazione stretta possono finire oltre alle due sentinelle laterali, Cassani e Criscito, anche il centravanti, Borriello e il portiere Viviano. Si giocano il futuro oltre che il presente, avendo dalla loro l’età e la fiducia del ct che non ha mai fatto mistero del credito riservato al giovane portiere del Bologna, di scuola fiorentina, passato dal Brescia a maturare e a imporre il proprio talento. «Nel ruolo di portiere sono in tanti a fare bene ma ho la sensazione che Viviano, per personalità e partecipazione, ora abbia qualcosa più degli altri» è lo spot con cui Prandelli ha accompagnato il giovanotto a indossare la maglia di Gigi Buffon, «il Maradona dei portieri» la definizione azzeccata dell’interessato. «L’ombra di Gigi non è un peso» la prima confessione di Viviano pronto a giurare sull’ottimo rapporto con Sirigu, l’escluso dopo qualche gaffe commessa contro l’Estonia, a Tallin.

«Spero di segnare io» è l’unico sospiro sfuggito a Marco Borriello prima di sbarcare a Belfast e scoprire che dopo qualche ritaglio di azzurro, 5 presenze, è ancora a quota zero con i gol, la lacuna più vistosa. Spera di segnare, Borriello. Lo spera anche Prandelli. Ne ha bisogno la Nazaionale.