Italia, record di auto blu: 600mila

Il nostro Paese è al primo posto al mondo per il numero di auto blu. Le vetture statali in Italia sono 624.330. Sul secondo gradino del podio gli Usa con 72mila macchine. Contribuenti.it: "Superato ogni limite"

Roma - Sul primo gradino del podio. "Record negativo" per l’Italia che ha raggiunto con il proprio parco di "auto blu" le 624.330 unità. È quanto emerge dallo studio condotto da Contribuenti.it - Associazione Contribuenti Italiani. Con "Lo Sportello del Contribuente" ha analizzato il parco delle auto blu utilizzate in qualunque modo dalla pubblica amministrazione, conteggiando sia quelle proprie che quelle in leasing, in noleggio operativo e noleggio a lungo termine, presso lo Stato, Regioni, Province, Comuni, Municipalità, Asl, Comunità montane, Enti pubblici, Enti pubblici non economici, Società misto pubblico-private e Società per azioni a totale partecipazione pubblica. In soli sei mesi, in Italia, il parco delle auto blu in dotazione della pubblica amministrazione è cresciuto del 2,7% passando da 607.918 a 624.330 unità.

In Italia più di 600mila auto blu Dopo la legge del 1991 che limitava l’uso esclusivo delle auto blu ai soli ministri, sottosegretari e ad alcuni direttori generali, si sono sempre proposte regolamentazioni e tagli, mai effettuati. Nella classifica dei paesi che utilizzano le "auto blu" primeggia l’Italia con 624.330 seguita dagli Usa con 72mila, Francia con 63mila, Regno Unito con 56mila, Germania con 55mila, Turchia con 51mila, Spagna con 42mila, Giappone con 30mila, Grecia con 30mila e Portogallo con 22mila. "In Italia gli amministratori pubblici hanno superato ogni limite - sostiene Vittorio Carlomagno, presidente Contribuenti.it Associazione Contribuenti Italiani -. Basterebbe pubbicare sul sito internet il nome degli utilizzatori e tassarli come fringe benefit per ridurre drasticamente il parco auto della pubblica amministrazione".