Fra gli italiani il motomondiale supera la serie A

da Roma

Non è una pura questione di orgoglio sportivo, di motorette contro palloni, di motociclisti versus pallonari. È un segnale di costume, di vita italica che cambia, di un popolo che per svagarsi non crede più esista solo il dio calcio. Secondo i risultati resi noti dal Tg2 di ieri, relativi alla ricerca Sponsor Value di StageUp e Ipsos, si scopre che per la prima volta nella storia sportiva del nostro Paese, l'interesse per il campionato del mondo delle due ruote ha superato quello per la serie A del pallone. Il motomondiale interessa infatti 28,4 milioni di italiani contro i 26,8 milioni che seguono le vicende scudettate. Non solo: dallo studio si evince che la serie con protagonista Valentino Rossi & C. è al terzo posto nella classifica degli eventi sportivi più seguiti dagli italiani. Nella speciale graduatoria resta salda in testa la nazionale di calcio con 35,2 milioni di interessati seguita dalla Formula 1 con 31,5 milioni. Da segnalare anche il balzo al quinto posto del campionato di serie B che raccoglie ben 16,8 milioni di interessati, in crescita, quest’anno, grazie al traino della Juve fra i cadetti.
La progressione è impressionante: dal 2002 ad oggi, gli appassionati delle gesta mondiali dei nostri centauri sono aumentati di 6 milioni di unità (+27%). La ricerca parla però di evento ormai maturo, che ormai non dipende solo dal cosiddetto «effetto Rossi»; ma su questo bisognerà aggiornarsi al fatidico momento in cui il campione lascerà le corse. Da notare che negli ultimi cinque anni la F1 è rimasta sostanzialmente stabile, mentre il campionato di calcio di serie A ha perso il 6,4% del pubblico (-1,8 milioni di persone).
Discorso diverso, invece, per la notorietà degli attori di questi sport: in questa speciale classifica, Valentino Rossi risulta solo quarto (89% di riconoscibilità). Gli stanno infatti davanti, leader della hit, Francesco Totti (94,5%), Alessandro Del Piero (93%) e Marcello Lippi (92,6%). Dietro Valentino, ci sono il portierone azzurro Gianluigi Buffon (88,7%) e Michael Schumacher (88,3%).