Al via Italia's Got Talent, il talent show (molto) sui generis della tv

Dietro al banco dei giurati si siederanno Claudio Bisio, Luciana Littizzetto, Frank Matano e Nina Zilli. Funzionerà la nuova squadra?

Cantanti, ballerini, fachiri e talenti di ogni genere saranno i protagonisti di Italia's Got Talent, al via giovedì su Sky Uno. Insomma, il talent più strampalato della tv, cambia casa.

Una giuria completamente rinnovata e cui è stata aggiunta un membro. Oltre a Nina Zilli, i cui capelli cambiano colore e acconciatura ad ogni cambio di inquadratura, ci sono infatti anche Claudio Bisio, Luciana Littizzetto e la YouTube star Frank Matano. E alla conduzione l'attrice Vanessa Incontrada, da qualche tempo lontana dal piccolo schermo, che torna sul palco con lo storico compagno di avventure a Zelig, Claudio Bisio.

Più di 15 mila gli iscritti e oltre 8mila i concorrenti che sono arrivati a esibirsi in fase di casting, portando performance diversissime tra loro: acrobati, ballerini, cantanti, trampolieri mimi, imitatori, comici, addestratori di animali, atleti, parkour, contorsionisti, prestigiatori, beatboxer, attori, musicisti. Cento secondi a disposizione per convincere i giudici e passare alla fase successiva.

Ma alla conferenza stampa di presentazione del talent di Sky, che si è tenuta oggi a Milano, l'irriverente comica Lucianina è stata la grande assente a causa di una forte influenza ma anche la Zilli, sgattaiolata via subito alla fine della presentazione, non era in ottima forma. "Mi piace definirlo un varietà OGM perché ci sono arti varie e poi ci sono i cialtroni più cialtroni, ma anche i grandi talenti" ha dichiarato la cantante reduce dall'esperienza sanremese.

Claudio Bisio, in conferenza stampa, aveva scherzato molto sul fatto che Sky avesse realizzato 2700 ore di girato per fare sette puntate di audizioni da un'ora e mezza l'una. Insomma, "potevano pure farci lavorare di meno!" ha ribadito con una battuta, sottolineando poi come questa esperienza sia stata divertentissima per lui.

Commenti
Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mar, 10/03/2015 - 08:27

E, quelli che han scelto la giuria, non potevano chiamare lo show direttamente "Komunist Got Talent"? Un po' di meno ipocrisia, non sarebbe male.

marinaio

Mar, 10/03/2015 - 09:21

BASTAAAA!!!! Non ne possiamo più di questi programmi spazzatura. Basta con l'Isola, Basta con il Grande Fratello, Basta con la De Filippi, la Carrà, Carlo Conti, la Ventura ...BASTAAAA!