Italtel va in Borsa entro l’estate 2006

da Milano

Si avvicina la quotazione in Borsa di Italtel, che già ipotizzata e studiata in passato «è ora prevista nella prima metà del 2006». A dichiararlo, a margine di un convegno sulla competitività e innovazione organizzato nell’ambito di Ciscoexpo a Milano, è l'amministratore delegato di Italtel, Mauro Righetti. Le modalità dell'operazione, che vedrà Lazard come advisor e Unicredit, Goldman Sachs e Merrill Lynch come global coordinator, sono ancora da definire, ma «dovrebbe portare in Borsa il 30 o 40% del capitale della società». Dal 2000 la società vede come azionista di riferimento, con il 48,7%, il fondo Usa Clayton, Dubilier & Rice, affiancato da Telecom Italia (19,3%), Cisco (18,4%), Advent International (8,6%), Brera Capital Partners (2,16%) e il management della società (2,65%). Quanto al convegno, l’amministratore delegato di Cisco Stefano Venturi ha sottolineato il ruolo centrale della ricerca sul fronte dello sviluppo Paese. Presenti anche il presidente di Geox Moretti Polegato e Riccardo Illy. Cisco è leader nei sistemi di reti e nella cosiddetta Voice over Ip, la telefonia gratuita.