La Iuc celebra il compositore «centenario»

Il grande compositore americano Elliott Cook Carter ha compiuto cento anni lo scorso 11 dicembre e la Iuc (Istituzione universitaria dei concerti) vuole festeggiarlo degnamente dedicandogli il pomeriggio di sabato 19 il concerto con il Dèdalo Ensemble diretto da Vittorio Parisi e Laura Catrani voce solista, con un programma di musiche del Novecento con due sue composizioni: in prima esecuzione italiana Mosaic (2004), composto in memoria dell’arpista francese Carlos Salzedo, e Tempo e tempi (1999), in prima romana, su poesie di Ungaretti, Montale e Quasimodo. Parisi dirigerà anche brani di due dei maggiori compositori italiani contemporanei, coetanei di Carter: Luigi Dallapiccola (con Divertimento in quattro tempi e Piccola musica notturna) e Goffredo Petrassi (Tre per sette). Dopo una fase iniziale di adesione al Neoclassicismo, la ricerca di Carter si svolse lentamente secondo una linea personale e sostanzialmente isolata. Muovendosi dall’atonalità e compiendo un intenso studio sulle possibilità timbriche delle diverse combinazioni strumentali, è giunto a un sistema compositivo caratterizzato da dense stratificazioni sonore e complesse strutture poliritmiche (proprio a proposito della sua musica fu coniato il termine «metric modulation»).