Iulm Laurea honoris causa per il regista

Giornata milanese a tutto tondo per Giuseppe Tornatore, siciliano di Bagheria, classe 1956, professione regista. Da «Nuovo cinema Paradiso», premio Oscar 1988, all’attualissimo «Baarìa», passando per «La leggenda del pianista sull’Oceano»: una carriera densa di successi, ben lontana dall’essersi esaurita. Stamane, nell’aula magna dell’Università Iulm, nel corso della cerimonia di apertura dell’anno accademico alla presenza del ministro Andrea Ronchi, Tornatore riceverà la laurea honoris causa in «Televisione, cinema e new media». Nel pomeriggio, trasferimento all’Auditorium Cariplo di largo Mahler (ore 17.30, ingresso libero), per la presentazione del libro «Baarìa, il film della mia vita» (Rizzoli), scritto a quattro mani dal regista con Pietro Calabrese. Gli autori ne discuteranno con Gianni Cervetti, presidente della Fondazione Orchestra Verdi, Gianni Riotta ed Emanuele Macaluso. Infine, il concerto in suo onore, promosso dallo Iulm a favore del Fai, al Teatro Arcimboldi (ore 21, info: 800166259, www.tocketone.it), con il maestro Ennio Morricone.