Ivana, casalinga da best seller

Vive a Genova ed è una casalinga con la passione per la scrittura Ivana Tomasetti, autrice di «Se non avessi la mia Luisa...», uno dei quattro racconti finalisti del 4° Premio Letterario Intimità, organizzato dall’omonima rivista femminile, il cui tema quest’anno era il perdono. Tra i numerosissimi scritti giunti in redazione, la giuria, composta dalla scrittrice e autrice della serie tv «Incantesimo», Maria Venturi, in qualità di presidente, dal conduttore televisivo Paolo Limiti e dal direttore di «Intimità», Anna Giusti, ha selezionato a pari merito quattro storie che parlano di perdono (Voi avete perdonato o siete state perdonate? Oppure siete stati testimoni di una storia che vi ha colpito?) come richiesto quest'anno dal concorso. I quattro racconti vengono pubblicati a pari merito sul giornale e votati dalle lettrici.
«Se non avessi la mia Luisa...» ruota attorno alla straordinaria figura di una madre, Luisa, che, pur senza dirlo a parole, ha sempre perdonato il marito violento e ora che lui è devastato dalla malattia, lo accudisce con amore e dedizione. Da una piccola storia di perdono dai toni sommessi emerge la grande violenza di un degrado familiare descritto con notevole bravura, senza concessioni all’autocommiserazione.
Il racconto di Ivana Tomasetti viene pubblicato su «Intimità» in edicola questa settimana. Sul prossimo numero, in edicola dal 10 novembre, sarà pubblicato l’ultimo racconto finalista e il tagliando che consentirà alle lettrici di votare quello che ritengono il migliore.