Iveco Stralis con la forza degli All Blacks Il Tir italiano in tour attraverso 26 Paesi

Motori Cursor Euro5 e consumi ridotti fino al 5% Bassi costi di manutenzione. Cabine migliorate

da Roma

La scelta di Iveco di legare la propria immagine alla più famosa e vincente squadra di rugby, gli All Blacks, è nata dalla convinzione di mettere in campo gli stessi valori, la stessa voglia di primeggiare nel proprio settore, condividendo il senso di responsabilità, affidabilità e produttività. In pratica il gioco di squadra.
Tutto questo ora è stato trasferito nella nuova versione dello Stralis, il Tir chiamato a svolgere una ampia gamma di compiti: dalle diverse modalità di impiego per le merci trasportate, alle applicazioni speciali. Stralis è un mezzo da lavoro pensato per soddisfare ogni esigenza di trasporto pesante su gomma dalle 19 alle 44 tonnellate.
Le maggiori innovazioni riguardano la cabina che è il risultato di incontri, analisi e suggerimenti ricevuti dagli stessi clienti che vivono quotidianamente sul veicolo. L’esterno della cabina offre un ampio spazio frontale, utile per la personalizzazione del veicolo. All’interno sono stati aumentati gli spazi per riporre oggetti e sono migliorati anche i lettini dove riposare. La gamma è la più vasta possibile proprio per soddisfare le più disparate tipologie di impiego, dai vari passi per ottenere la migliore carrozzabilità, ai cambi manuali, automatizzati e automatici per un rapporto sempre ottimale tra velocità e spunto. Le motorizzazioni sono tre, di 8-10-13 litri, come le versioni delle cabine (Active Day, Active Time, Active Space Cube) e le altezze disponibili (tetto basso, medio e alto). I motori sono tutti Cursor Euro5, una famiglia che ha già ampiamente dimostrato le sue qualità in termini di prestazioni, consumi e affidabilità. E questi risultati sono dovuti alle soluzioni tecniche adottate tra le quali il freno motore a decompressione e la gestione elettronica di tempi e quantità di carburante per ogni singolo cilindro. Le potenze vanno da 310 a 560 cavalli. Ma una delle caratteristiche di Stralis è quella di offrire al cliente un basso costo di possesso, incidendo in modo positivo sulla manutenzione e il consumo.
I tempi di fermo macchina sono ridotti al minimo (il cambio olio è previsto dopo 150mila chilometri) e la diagnostica di bordo viene fatta rapidamente anche a distanza. I motori Cursor Euro5 consumano dal 2 al 5% in meno dei modelli precedenti Euro3. Consapevole delle proprie qualità, Stralis ha deciso di andare incontro ai propri clienti e non attenderli in «difesa».
Una serie di piccole flotte Stralis, con la livrea degli All Blacks, per un totale di 100 veicoli, sono in viaggio per 26 Paesi europei. Copriranno oltre 2 milioni di chilometri con la possibilità ai potenziali clienti incontrati lungo il tour di fare un approfondito test drive.