Jérôme Le Royer de La Dauversière

Questo francese nacque nel 1597 a La Flèche in una famiglia di antica nobiltà bretone. Il Capitolo della cattedrale di San Martino a Tours possedeva diversi feudi da quelle parti e il padre di Jérôme ne era esattore. Alla morte del genitore, Jérôme succedette nell'incarico e nel 1618 si sposò con Jeanne de Baugé, con cui ebbe cinque figli (due finirono preti e due suore). Jérôme divenne in breve l'anima di tutta la beneficenza che si faceva a La Flèche, membro di ogni congregazione religiosa e promotore incessante di buone opere. Nel 1630 decise di consacrare sé e i suoi cari alla Sacra Famiglia. Durante la cerimonia avvertì distintamente una voce interiore che gli chiedeva di creare un ospedale in Canada e una comunità di suore che se ne occupasse. In capo a sei anni arrivò la prima postulante delle neonate Figlie Ospedaliere di San Giuseppe. Jérôme, che nel frattempo era stato nominato amministratore dell'ospedale cittadino, contattò diversi nobili e missionari per la colonizzazione dell'isola di Montréal in quella che allora si chiamava Nuova Francia. La società creata all'uopo acquistò l'isola dagli indiani nel 1640 e, due anni dopo, la prima spedizione poteva fondare la città di Ville-Marie (poi divenuta Montréal). Ma subito si presentarono le difficoltà. Innanzitutto, gli incessanti attacchi degli indiani. Poi, le autorità ecclesiastiche si opponevano all'idea di mandare suore oltreoceano. Jérôme non vide mai il Canada, impegnato com'era nella ricerca di fondi e nella soluzione dei problemi. Morì nel 1659. Lo stesso anno partirono le prime suore.