Jaguar Xf, occhio alla bandierina british

Binasco (Milano)Entra in campo la formazione 2014 della Jaguar Xf, ovvero la famiglia delle Jaguar di taglia più «piccola» che, tuttavia, non resterà tale ancora per molto tempo poiché, tra meno di un anno, alla base dell'offerta della casa di Coventry si collocherà un'altra vettura. Intanto, l'Xf viene leggermente aggiornata, dopo il consistente numero di migliorie e di nuove proposte arrivate negli ultimi tempi: come la trazione integrale Awd disponibile per la 3.0 V6 Supercharged da 340 cv, piuttosto che la variante da 200 cv del turbodiesel di 2.2 litri che ha preso il posto di quella da 190 cv già sulla familiare Sportbrake. Ora, tutta la famiglia propone altre novità sotto le vesti, che restano del tutto immutate sia nel caso della berlina sia in quello della station wagon tanto che, per riconoscere una Xf edizione 2014 dalle precedenti, bisogna soffermarsi sul fondo su cui campeggia il Giaguaro nella mascherina: se è rosso adorna il cofano di una nuova versione.
La novità principale è costituita da una variante del turbodiesel a 4 cilindri di 2.2 litri che si pone alla base dell'intera offerta per la potenza di 163 cv, alla quale s'affianca una robusta coppia di 400 Nm. Offerto unicamente in abbinamento con il cambio automatico-sequenziale a 8 marce, come il resto dello schieramento è integrato dal sistema Start/Stop che diventa standard anche su tutte le altre versioni per contribuire a ridimensionare sensibilmente i consumi. L'aggiornamento è completato dall'offerta di nuovi sistemi d'infotainment e inediti pacchetti di personalizzazione, come il British Pack (è composto da accessori differenti secondo la motorizzazione e la sua presenza è tradita dalla bandiera britannica sulla coda della vettura). La 2.2d con 163 cv, proposta nell'allestimento Limited Edititon a 40.850 euro, su strada punta soprattutto a privilegiare il contenimento dei costi di gestione. Infatti, assicura percorrenze di oltre 20 chilometri con un litro, pur garantendo una velocità di 209 orari e la possibilità di raggiungere i 100 in 10,5 secondi. Il motore vanta una buona fluidità d'erogazione grazie anche alla pronta e allo stesso tempo dolce azione del cambio, e sfodera un'apprezzabile propensione a sostenere le richieste d'allungo, sebbene senza arrivare a mettere in campo un temperamento sportiveggiante. A livello di comportamento nessuna novità: anche questa Xf si rivela affidabile, maneggevole e confortevole.