Il Jail ospita Elliott Murphy Gli Africa Unite al Live Club

Luca Testoni

Domani. I rocker siciliani Marta sui Tubi sono al Circolo Magnolia di Segrate, mentre i due dj-produttori elettro-funk-house goriziani Scuola Furano ai Magazzini Generali.
Giovedì. Chi va a un concerto del quintetto scozzese dei Mogwai, ospiti del Rolling Stone, sa già cosa aspettarsi: si dice post-rock e si sente musica per lo più chitarristica e strumentale. Momenti di calma e trasognante melodia si alternano ad attimi di fragoroso e potentissimo rumore. L'Alcatraz apre le sue porte all'Orchestra di Piazza Vittorio, la banda multietnica ed etnoworld che il tastierista degli Avion Travel Mario Tronco ha ideato all'Esquilino, il rione più meticcio della capitale. L'occasione è rappresentata dalla première live del nuovo album Soma. Un ex Avion Travel, il contrabbassista Ferruccio Spinetti, è atteso alla Salumeria della Musica in compagnia dell'eccellente cantante Petra Magoni. È uscito da poche settimane il loro doppio Musica nuda 2, un mix di cover d'autore e brani originali, per un viaggio nello spazio e nel tempo. Inoltre, due cantautori made in Usa: più rock l'inossidabile Elliott Murphy (Jail di Legnano); più folk-malinconico l'emergente Micah P. Hinson (Circolo Magnolia di Segrate). Al Toqueville detta le danze Roger Sanchez, dj mito delle notti house di Ibiza.
Venerdì. Nuovo album (Controlli) per gli Africa Unite, formazione simbolo del reggae italiano, dal vivo al Live Club di Trezzo d'Adda. In serata anche il prog-metal dei Jon Oliva's Pain (Rainbow), l'hardcore-noise degli americani Wolf Eyes (Jail di Legnano) e il cantautorato pop-acustico dei veneti Non Voglio che Clara (Casa 139).
Sabato. Raccomandata a chi piace ska e rocksteady, infine, il live set al Rolling Stone di Giuliano Palma e i suoi Bluebeaters.