Con Jake «la furia» e i suoi guerrieri storie d’amore e violenza tra i Maori

Un tempo erano guerrieri. Oggi la modernità li ha cacciati in una riserva che, più che geografica, è mentale. Nuova Zelanda, primi anni '90. Jake (il colossale Temuera Morrison), detto «la furia», risolve i problemi pratici a cazzotti e quelli esistenziali attaccandosi alla bottiglia: violento con la moglie, non ha occhi per vedere la disperazione che cova in casa (un figlio nelle gang, una figlia violentata). L'energica Beth (Rena Owen) è la vera eroina della storia: moglie assetata di felicità, costretta a vivere nel deserto di una condizione senza speranza, cerca di tenere insieme una famiglia disgregata. Insomma, dove c'erano fieri guerrieri maori ora restano curiosi tatuaggi che attizzano i turisti. Il film di Lee Tamahori conquistò il pubblico, e un po’ la critica: purtroppo partorì un agghiacciante seguito, tutto da dimenticare. Il disco offre doppio audio (DD 5.1 e Dts) e inglese (DD 2.0), con sottotitoli italiani. Negli extra, un dietro le quinte e quattro trailer doppiati.

ONCE WERE WARRIORS - Mondo HE 14,90 euro