Jankulovski e Nesta in famiglia

Milanello. Ratificata dalla società la decisione di abolire il ritiro di questa sera. Marek Jankulovski non poteva aspettarsi settimana migliore per veder abolito il ritiro: «È una giornata speciale perché è il compleanno di mia figlia Caroline che fa 9 anni - spiega il difensore - quindi io sarò certamente tra coloro che approfitteranno della chance concessaci da Ancelotti e me ne starò a casa. Giocando ogni tre giorni ultimamente ho visto poco la mia famiglia». Nell’entourage si fa di tutto per stemperare la novità, sostenendo che le cose non cambieranno e poi il tutto è agevolato dal posticipo serale della sfida con un Palermo che avrà 48 ore di meno per recuperare dalla sfida europea: «Loro hanno giocato di giovedì, hanno viaggiato, saranno un po’ affaticati - osserva Jankulovski -. Il Palermo segna molto. Noi dobbiamo stare molto attenti in difesa, poi qualche gol lo faremo. Non è bello stare nella colonnina di destra della classifica».
Prezioso il recupero di Maldini che si potrebbe rivedere al centro della difesa accanto a Kaladze, nel caso in cui Ancelotti decidesse di concedere un po’ di riposo al neo-papà Nesta. In attacco Gilardino affiancherà Inzaghi che la scorsa stagione tornò al gol in campionato, dopo un anno e mezzo, contro il Palermo grazie a uno splendido cross di Jankulovski che è tornato sullo scontro avuto dal suo connazionale Cech nel campionato inglese: «È stato un infortunio che si poteva evitare. Mi spiace tantissimo, è un grande portiere e un bravissimo ragazzo. Ho sentito il suo procuratore, mi ha detto che le cose stanno migliorando. Auguro a Petr di rimettersi presto».