Jared Leto&Co, belli e dannati

Tante volte la fortuna gira. Dopo un po' di tempo, un gruppo che passa inosservato, diventa poi uno dei punti fermi del rock contemporaneo internazionale (almeno per qualche stagione). È stato così per i 30 Seconds To Mars, formazione americana capitanata da Jared Leto (noto volto di Hollywood, protagonista di pellicole di culto come Requiem For a Dream, Fight Club, American Psycho e Alexander) che dopo aver pubblicato il loro secondo album nel 2005 sono arrivati al successo ben due anni dopo grazie all'esplosione dell'emo-rock e di band come My Chemical Romance e Fall Out Boy. Il successo dei 30 Seconds To Mars, va detto, è tutto da ricercare nel fascino del loro leader che in breve tempo è diventato uno dei volti più amati e venerati dalle ragazzine di mezzo mondo. Un viso quello di Jared Leto che sembra essere la perfetta incarnazione per il rocker bello e dannato, anche se in realtà l'attore/cantante è un personaggio molto riservato e semplice, ma tanto vale che i 30 Seconds To Mars grazie a tutto questo sono arrivati a vendere con il loro secondo album la bellezza di quasi due milioni di copie in tutto il mondo, oltre che fare incetta di premi come gli Mtv Awards del 2007 come migliore rock band. Merito del successo? Anthem generazionali e marketing perfetto nei video: The Kill, From Yesterday e l'ultima A Beautiful Lie (che dà il titolo al disco), sono tra le migliori hit dell'anno scorso e di quello in corso. I 30 Seconds To Mars sono all'Alcatraz martedì (sold out) e mercoledì (biglietti ancora disponibili a 27 euro).