«Jarhead», marines nel Golfo

Maurizio Acerbi

È un Casanova insolito quello presentato da Lasse Hallström. Più che un intraprendente e perverso amante, lo sciupafemmine per eccellenza viene inquadrato come un bravo ragazzo che rispetta il gentil sesso. Per le donne mette a repentaglio la sua libertà e, tra ironia e leggerezza, con le fattezze di Heath Ledger, saltabecca tra i tetti inseguito dalle guardie dell’Inquisizione. Incontra e si innamora di Francesca che, per la prima volta nella sua vita, lo rifiuta. Uno come lui, però, non può arrendersi così facilmente; tanto da inventarsi travestimenti e inganni pur di coronare il suo sogno.
È il weekend di Capote, pluricandidato agli Oscar, con Philip Seymour Hoffman che impersona lo scrittore autore del capolavoro A sangue freddo. La vicenda prende il via il 15 novembre 1959 quando il giornalista Truman Capote decise di occuparsi dell’uccisione di quattro membri di una famiglia contadina del Kansas. In seguito, due vagabondi furono arrestati; proprio dopo averli conosciuti in carcere, Capote scrisse sulla vicenda il famoso A sangue freddo che ne decretò il successo ma anche l’inizio della fine.
Diretto da Sam Mendes è Jarhead, con Jake Gyllenhaal, Jamie Foxx, Peter Sarsgaard. Protagonista è «Swoff», un militare americano arruolatosi come suo padre e suo nonno prima di lui. Il giovane marine è in missione in Arabia Saudita e poi in Kuwait, passando dalla gavetta all’azione di guerra durante la famosa operazione Desert storm, nella prima guerra del Golfo. Il tutto attraversando, con fucile da cecchino e zaino da 45 chili, i deserti mediorientali, esposto ai pericoli che ogni guerra comporta.
Walk the line-Quando l’amore brucia l’anima, è un film tratto dalla vita del cantante rock Johnny Cash e della sua compagna June Carter. Vediamo così il giovane Johnny, all’epoca della Depressione, vivere in Arkansas mentre impara a cantare grazie ai gospel di sua madre. Da qui, la pellicola ripercorre le tappe della sua carriera e della sua vita fino al successo accanto a star come Elvis Presley, Jerry Lee Lewis; con il culmine nel famoso concerto del 1968 alla prigione di Folsom.
Giorgio Faletti è protagonista di Notte prima degli esami, titolo che si rifà alla famosa canzone di Venditti che non poteva mancare in una pellicola che si contraddistingue, in particolare, per la ricca e nostalgica colonna sonora. Il film racconta la storia di un gruppo di amici che, intorno agli anni ’80, si trova alla vigilia dell’esame di maturità. Studi, amore, scuola, genitori, professori, in un mix ben riuscito.
The best man è una commediola inglese, nella quale spicca, tra gli interpreti, il nome di Stuart Townsend (Gioco di donna, La leggenda degli uomini straordinari), che racconta di un ragazzo che cerca in tutti i modi di aiutare il suo migliore amico. Il problema è quello tipico di molte commedie: catturare l’attenzione della ragazza dei sogni.