Jazz, crotti e birre in Valchiavenna

Non occorre necessariamente aspettare il Festival dei Crotti, dal 7 al 9 settembre, per catapultarsi in Valchiavenna, in provincia di Sondrio, a perlustrare luoghi che già da ora possono regalare tregue emozionanti a fatiche e stakanovismi di un anno. Detto che occorrerebbe spendere a Chiavenna e dintorni (un paio d'ore da Milano, in direzione Lecco-Colico) almeno una settimana, il pretesto per questo fine-settimana è il Jazz & Blues Festival, programma su www.valchiavenna.com, che da oggi fino a domenica farà risuonare nelle piazze e nei locali note d'autore. Ma questa non è che la punta di un iceberg che nasconde un sommerso senza fondo di luoghi di naturale bellezza. E di grande gola come ristoranti tipici e d'autore, cantine, birrifici, botteghe del gusto.
L'insegna migliore si chiama Lanterna Verde, www.lanternaverde.com, a Villa di Chiavenna: 50 euro al massimo per godere a occhi chiusi della rivisitazione salutare degli storici Tajadin dulz de Villa, maltagliati alla farina di castagne conditi con burro, formaggio Casera, parmigiano e fiori secchi di camomilla. Ma qui si viene anche per trote, galletti ruspanti e per un ottimo foie gras d'oca farcito di frutta secca in pan brioches e una cantina straricca ma dai ricarichi contenuti.
Nella vicinissima Gordona ci si fa invece avvincere dalla passione di un birraio artigianale, Giandomenico Marocchi, che al Birrificio Spluga, www.birrificiospluga.com, le confeziona in bottiglie dal tappo meccanico, come si faceva una volta. Provate l'ambrata a bassa fermentazione Vienna ma anche, vista la stagione, la fresca Weizen. Fermatevi anche a provare i suoi maltagliati alla birra con funghi porcini e il tiramisù alla birra scura. E non dimenticate poi che, facendo magari base al comodo Albergo Aurora di Chiavenna, www.albergoaurora.it, uno può cercare di aprirsi un varco tra le altre infinite golosità di zona (miele, violino di capra, brisaola) per andare a sollevare splendidi calici di rossi valtellinesi in cantine blasonate come Prevostini, Arpepe, Nino Negri o Sertoli Salis.