Il jazz d’autore invade la Brianza

«Brianza Open Jazz Festival», ottavo atto. Il festival, nato dall’esperienza maturata da precedenti significative, come il «Monza jazz special guest» e il «Jazz in piazza di Brugherio», si pone l'obiettivo di documentare i vari aspetti del jazz contemporaneo, compresi i proficui incontri con «altre musiche», coinvolgendo fino a metà luglio otto comuni della provincia di Monza Brianza e la bellezza di 18 formazioni musicali.
Quest'anno, a fare da collante ai vari concerti della rassegna (ad ingresso gratuito) è l'insegna «New!», titolo che esprime l'intento di dare spazio ai nuovi talenti italiani del panorama del jazz e a nuovi progetti ideati da alcuni dei più creativi jazzisti europei. In questi giorni il festival fa tappa a Monza. Fitto il programma di eventi: si comincia stasera alle 18 con i concerti-aperitivo sotto i portici dell'Arengario, alle 21 si prosegue in piazza Duomo, per lo spettacolo serale. La serata di domani vedrà in scena il quartetto dell'emergente pianista umbro Giovanni Guidi, vincitore come miglior nuovo talento del referendum «Top Jazz 2007» del mensile Musica Jazz e la spettacolare Cosmic Band dell'acclamato trombonista barese Gianluca Petrella. In luglio, rispettivamente il 2 e il 3, ci saranno altri 2 appuntamenti di qualità a Brugherio (Parco di Villa Fiorita): il primo vedrà in azione due delle più belle voci femminili del jazz europeo: Maria Pia De Vito e l'inglese Norma Winstone; il secondo sarà impreziosito dalla presenza del pianista-fisarmonicista sardo Antonello Salis con il suo nuovo gruppo, The Bookmakers. Chiusura in bellezza, il 18 luglio, a Villasanta (piazza Don Gervasoni) con il Locat Project del sassofonista Emanuele Cisi e di Roberto Cecchetto, giudicato uno dei migliori chitarristi jazz del Belpaese.
Brianza Open Jazz Festival
Fino al 18 luglio a Monza, Besana in Brianza, Biassono, Brugherio, Lissone, Nova Milanese, Sovico
e Villasanta. Ingresso libero.
039/2372222