Jean-Marie Leblanc la stella del Gran Gala

Per il leggendario patron del Tour un prestigioso riconoscimento alla carriera

A conclusione di una entusiasmante avventura professionale quale Direttore Generale del Tour de France (dal 1989), Jean-Marie Leblanc sarà a Conegliano per ricevere un prestigioso riconoscimento alla carriera e raccontare una vita trascorsa nel ciclismo prima come corridore, poi come giornalista, infine come uomo-guida del più gigantesco e complesso evento sportivo mondiale.
È questa la prima, significativa notizia in vista della 22.sima edizione del Gran Gala Ciclistico Internazionale in programma il 16 ottobre.
Divenuto ormai vetrina internazionale del grande ciclismo, l'appuntamento in terra veneta si conferma tappa irrinunciabile per tutti i grandi protagonisti delle due ruote. Jean-Marie Leblanc, che proprio quest'anno conclude la sua carriera al vertice del Tour de France, sarà a Conegliano per raccontare una vita nel ciclismo e i tanti momenti felici e difficili che ha dovuto affrontare dalla sua ammiraglia. Insieme a lui sul palco ci sarà anche Carmine Castellano, che ha condiviso un'analoga esperienza professionale alla guida del Giro d'Italia.
Ma il Gran Gala 2006 promette tante altre novità.
Per quanto riguarda il ciclismo, ancora molte le iniziative collaterali: oltre alla consueta assemblea della CPA (il sindacato internazionale dei corridori professionisti), si rinnoverà l'appuntamento del Forum sulla mobilità sostenibile con altre autorevoli partecipazioni. Ma gli organizzatori stanno lavorando anche per avere sul palco del Teatro Accademia, assieme ai maggiori protagonisti della stagione ciclistica, altri personaggi di spicco dello sport: le sorprese non mancheranno.
Procedono intanto le classifiche speciali legate al Gran Gala Ciclistico: all'inizio del Giro d'Italia il Mondiale Costruttori-G.P. Somec era guidato da Colnago (vincitore delle ultime due edizioni), il Premio Italia-G.P. La Tiesse Spinazzè da Damiano Cunego, il SuperTriveneto under 23-G.P. ZG Mobili dal promettentissimo Oscar Gatto. Dopo una settimana di gara «rosa», tuttavia, il ciclone Ivan Basso ha rimesso in gioco tutti i valori nel Mondiale Costruttori-G.P. Somec entrando nella top five e avvicinando sensibilmente Colnago con la sua Cervelo. Ora la classifica vede Colnago in testa e Cervelo a 65 punti,; seguono Time, Pinarello e Wilier (in forte ascesa).
Nel Premio Italia-GP La Tiesse Spinazzè Basso in maglia rosa dopo la vittoria alla Maielletta guadagna punti ma è Cunego a mantenere il comando nonostante un avvio non brillantissimo al Giro. Secondo è sempre Ballan mentre terzo è ancora lo sfortunato Petacchi. È chiaro, comunque, che le classifiche verranno rivoluzionate da qui alla conclusione del Giro d’Italia.
Tutte le notizie aggiornate sul sito www.grangalaciclistico.it, di recente totalmente rinnovato e ulteriormente arricchito.