JESUS CHRIST SUPERSTAR La «passione» parla italiano

Il nuovo musical tradotto debutta al teatro della Luna

Ferruccio Gattuso

Un problema «tecnico» al quale Gesù corse ai ripari da subito, più o meno dall'anno 33. Ricorrendo al numero più spettacolare del suo repertorio: il miracolo. E così, gli apostoli prediletti si disseminarono per i quattro punti cardinali, con il compito di portare ai popoli la sua Parola. Come? Ovviamente senza un baule di vocabolari appresso, ma la più confortevole delle sicurezze: ci avrebbe pensato Lui dall'Alto, facendo parlar loro le più svariate lingue. Questo perlomeno raccontano gli Atti degli Apostoli e la prima lettera ai Corinzi. Ora, la premiata ditta autrice dell'opera rock Jesus Christ Superstar - Sir Andrew Lloyd Webber e Tim Rice - a dispetto dello straordinario successo mondiale della propria fatica artistica non sembra abbia potuto godere dello stesso bonus garantito agli apostoli. Il loro Jesus Christ Superstar ha sempre e solo cantato in inglese. Ci hanno pensato però gli estimatori sparsi per il mondo a tradurre quelle liriche struggenti e immortali (parto del talento di Tim Rice, ma anche della fonte originale: il Vangelo) in altre lingue. Finalmente, grazie al lavoro di due ottimi parolieri come Michele Renzullo e Franco Travaglio, e all'allestimento rigoroso (al punto di aver ricevuto il placet dalla coppia Webber/Rice) della Compagnia della Rancia, Jesus Christ Superstar parla italiano: dopo 12 traduzioni internazionali del musical più amato dalle giovani generazioni, tocca alla lingua di Dante spiegare come Cristo trascorse le sue ultime ore di vita terrena. In cartellone al Teatro della Luna per la regia di Fabrizio Angelini e un cast di 20 elementi e band dal vivo, Jesus Christ Superstar occupa la piazza milanese in modo nuovo per le abitudini teatrali nostrane: prima dell'esordio ufficiale del 19 ottobre, il musical è atteso in scena già da questa sera per una serie di cosiddette preview. Si tratta di spettacoli successivi alla prova generale, passibili di qualche piccola modifica: per il pubblico in platea, lo sfizio di «essere arrivati prima» e un piccolo sconto sul biglietto (per informazioni tel. 199.158.158). Un assaggio del musical è stato dato ieri al Web Studio delle Messaggerie Musicali: sulle note di due brani metricamente ostici come «Getsemani» e «Everything's Alright» la prova che le liriche originali sono egregiamente tradotte e i ragazzi del cast (su tutti il Gesù Simone Sibillano, il Giuda Edoardo Luttazzi e la Maddalena Valentina Gullace) ci sanno fare. «Ho scelto un'ambientazione contemporanea e non anni '70 come nell'originale - spiega il regista Fabrizio Angelini - perché una storia così non ha tempo, è inutile dirlo. Conosco a memoria ogni brano di quest'opera, da quando sono bambino. Ho voluto dare un tocco politico: i sacerdoti che tramano contro Gesù li ho dipinti simili a dei politici. E Giuda, nel suo procedere verso la dannazione, assume un look sempre più simile al loro».
Jesus Christ Superstar al Teatro della Luna dal martedì al venerdì ore 21, sabato anche 15.30, domenica solo 15.30. biglietto da 18 a 55 euro