Jo Champa, un altro premio a Los Angeles

L’attrice è «Chairwoman of the month» della Afa per il suo impegno a favore della famiglia

da Milano

Altro riconoscimento per Jo Champa. L’American fertility association (Afa) l’ha nominata Chairwoman of the month (letteralmente presidentessa del mese). L’importante onorificenza per il suo «incessante lavoro e per lo sforzo impegnato a far luce in materia di adozione e fertilità» le sarà consegnata a Los Angeles. Si tratta di un’altra dimostrazione dell’eclettismo di questa giovane attrice italiana (non ha ancora compiuto quarant’anni) che ormai trascorre gran parte del suo tempo a Los Angeles. Dopo essere apparsa in alcuni film di grande rilievo critico, come La famiglia (candidato all’Oscar nel 1988, nel cast c’erano anche Vittorio Gassman e Stefania Sandrelli) oppure il famoso Don Juan De Marco con Johnny Depp e Marlon Brando, ha deciso - anche per vicende personali - di trasferirsi in America.
«Siamo contenti di premiare Jo - ha detto il consigliere dell’Afa Guy Ringler - come una persona che si interessa profondamente della famiglia e non si è mai trattenuta dall’affrontare una materia complessa come la fertilità». In tutti questi anni, Jo Champa si è sempre schierata a favore della fecondazione assistita e ha parlato candidamente della sua storia personale quando è nato suo figlio Sean, che oggi ha due anni. «Sono commossa da questo premio - ha detto lei - e vorrei che fosse esteso a ogni donna che vuole avere un figlio, a ogni famiglia che sogna un bambino. Capisco che potrebbe non essere facile per tutti comprendere a fondo o addirittura condividere la fecondazione artificiale, ma comunque credo di poter condividere con tutti il mio desiderio di maternità e l’amore nel vedere il mio bambino». Oltre all’Afa, Jo Champa partecipa all’attività anche di Race to Erase Ms, Carousel of Hope (contro il diabete giovanile) e alla Fondazione per i bambini cambogiani.