Dalla Johansson a Victoria così le sfilate richiamano i «vip»

Tempi di crisi? La moda si difende a colpi di creatività e, come sempre, sa reagire. Arte, design, sport, ecologia, viaggio: i collegamenti fra mondi diversi, nella settimana di Milano Moda Uomo che si aprirà domani e si concluderà martedì 20, sono tanti. Oltre agli abiti maschili per il prossimo inverno, sulle passerelle sfileranno anche tante sorprese e nuove idee: da Dolce & Gabbana a Cavalli a Gucci, fino a Dsquared2, dove per lunedì è attesa una performance ancora top secret. Mentre il duo di Frankie Morello ha deciso di puntare sull'arte, mettendo in passerella i pittori di Brera, e sull'esibizione degli artisti della «nuova factory» al party domenica (ai Magazzini Generali). E se da febbraio i milanesi potranno vedere vere e proprie mostre nella nuova boutique Frankie Morello di corso Matteotti, lunedì apre tutti il design ispirato alla natura di Nilufar, in via della Spiga, dove è in mostra la collezione di Shirò. Da Driade, in via Manzoni, Daniele Alessandrini mette in scena la giornata-tipo del latin lover contemporaneo, mentre in via Montenapo, Piombo trasforma un angolo del negozio in suk dove sorseggiare tè alla menta. E c'è spazio anche per le «contestazioni»: al Superstudio, M F Girbaud, fa infatti la guerra tutte le convenzioni della moda, a partire dalla mania che le donne hanno per le borse.
Insomma, per dirla con il presidente della Camera della Moda Mario Boselli, «nei periodi di crisi il mercato va stimolato. Abbiamo gli armadi pieni e per incentivare a comprare, bisogna proporre cose nuove e creative». La settimana che si apre domani testimonia dunque «lo sforzo per superare questa situazione congiunturale».
Certo, le aperture di nuovi negozi si contano sulle dita di una mano. Ma qualcuno osa ancora, come il sarto napoletano Isaia, che apre in via Verri, o Giuliano Fujiwara che inaugura in via Borgospesso, mentre Lardini per celebrare i suoi primi 30 anni apre uno showroom.
A non soffrire la crisi saranno invece i vip. Se per le sfilate i più attesi saranno David e Victoria Beckham - in primavera la ex Spice Girl sarà la testimonial di Emporio Armani Underwear (c’è chi giura non mancherà da Emporio Armani) ma anche Luca Argentero e Felipe Massa, ospiti di Dolce & Gabbana, e Diego Abatantuono da Pignatelli. Molti i vip attesi anche a feste e cocktail. Bono degli U2 e Scarlett Johansson, creatori insieme alla supertop Gisele Bundchen del progetto umanitario Red, potrebbero materializzarsi al party di «Elle e Giselle per l'Africa», che andrà in scena martedì in via Cino del Duca. Tanti anche i vip invitati martedì al party di Vogue Italia per la presentazione del nuovo Decoder Sky firmato Fendi, da 10 Corso Como. Dove domani Pignatelli riceve molti nomi noti fra i quali Valeria Marini e Natasha Stefanenko. I più giovani si troveranno invece martedì alla festa Diesel in Piazza San Babila, oppure lunedì, al party di Kejo e della Gazzetta dello Sport alla boutique Biffi di Corso Genova.