"Ma John non ha offeso mio marito"

Michelle Obama non ritiene che non sia stato offensivo il modo con cui John McCain si è rivolto al marito, durante il
dibattito di Nashville chiamandolo "quello lì". Intervistata in Tv da Larry King dice: "E' una polemica che interessa i talk-show, gli americani pensano all'economia"

Washington - Michelle Obama non ritiene che non sia stato offensivo il modo con cui John McCain si è rivolto al marito, durante il dibattito di Nashville, chiamandolo "quello lì". Lo ha detto la moglie del candidato democratico Barack Obama, intervistata da Larry King, sottolineando che si tratta di una polemica che interessa i talk-show ma non agli americani che "in questo momento sono spaventati e preoccupati per l’economia". "Credo che dall’inizio di questa campagna elettorale ci siano due discorsi paralleli, quello dei commentatori televisivi e quello che è sul terreno - ha detto Michelle - agli americani non interessano i botta e risposta tra i candidati, ma voglio risposte reali su come ristabiliremo l’economia e garantire l’assistenza sanitaria".

Nel colloquio con il famoso conduttore della Cnn, la signora Obama ha comunque difeso il marito dalle accuse che gli sono state rivolte nei giorni scorsi da Sarah Palin di essere "amico dei giornalisti". "Non conosco nessuno che sia coinvolto nella politica sull’istruzione a Chicago che non conosca Ayers" ha replicato Michelle, ricordando che il marito faceva parte insieme ad Ayers del Chicago education board. Ma soprattutto Michelle ha ribadito come polemiche e attacchi strumentali non interessino agli elettori: "Non sono queste le domande che ci rivolgono gli americani", ha aggiunto rispondendo a King che le chiedeva se queste accuse potrebbero influenzare la campagna elettorale.