Johnny Depp, il primo libertino

Patrizia Rappazzo

A 59 anni, l'attore americano Tommy Lee Jones (Oscar per Il fuggitivo) debutta dietro la macchina da presa con Le tre sepolture, di cui è anche interprete. Il film, viaggio controcorrente nel flusso migratorio dei clandestini che dal Messico cercano di entrare negli Stati Uniti. è prodotto da Luc Besson ed è stato premiato a Cannes 2005: per la migliore interpretazione dello stesso Lee Jones e la sceneggiatura di Guillermo Arriaga.
Ispirato alla storia vera di Lois Jenson e al libro Class Action: The Story of Lois Jenson, arriva in sala North Country - Storia Di Josey, il film diretto dalla regista neozelandese Niki Caro (La ragazza delle balene.) Nel ruolo di una giovane madre, Charlize Theron, imbruttita ancora una volta dopo l'Oscar di Monster, divorziata da un marito violento e con due figli da mantenere. Ambientato alla fine degli anni '80, il film racconta la storia di Lois, una tra le prime donne a lavorare in miniera. A causa delle continue difficoltà con i colleghi maschi, la donna decide di fare causa per «sexual harassment» contro le miniere Eveleth.
Tratto da un'opera teatrale di Stephen Jeffreys, portata in scena da John Malkovich e Martha Plimpton, arriva in sala The Libertine la versione cinematografica, diretta dall'esordiente Laurence Dunmore e interpretata da Johnny Depp e Samantha Morton, John Malkovich (anche produttore), Rosamund Pike. Poeta licenzioso e confidente di re Carlo II, ma soprattutto emblema dissoluto della buona società inglese della Restaurazione, il libertino conte di Rochester, uomo lussurioso e autodistruttivo, si invaghisce di una giovane attrice di teatro che lo porterà alla rovina.
Viaggio alla ricerca della propria identità e del proprio passato, invece, con Transamerica, debutto nel lungometraggio di Duncan Tucker pluripremato e miglior film a Berlino 2005. Dopo aver vinto il Globo d'oro per la miglior interpretazione femminile, Felicity Huffman, punta all'Oscar nel ruolo estremo di un transessuale che prima dell'operazione farà i conti con il proprio passato e con il figlio che ha appena scoperto di avere.
Si cambia genere invece con Prime la commedia terapeutica di Ben Younger, interpretata da Uma Thurman e Meryl Streep. Due grandi attrici che duettano con disinvoltura, per una storia molto divertente su sesso e psicoanalisi, baby-fidanzati e mamme invadenti.
Ancora amore, ma d'altri tempi è quello della relazione tra un ex diplomatico americano e una contessa russa, al centro de La contessa bianca, film raffinato ed elegante che prende nome dal mitico locale - luogo di incontro di politici e faccendieri, - ambientato nella Shanghai degli anni trenta e firmato dal più «inglese» dei registi americani, James Ivory.
In uscita anche Underworld: Evolution, nuovo episodio della guerra tra vampiri e licantropi diretto da Len Wiserman; e Cacciatore di teste, il racconto morale di Costas Gravas, in cui il protagonista, Bruno Davert, un uomo solo e terrorizzato dalla perdita del suo posto di lavoro sceglie una soluzione totalmente spiazzante: liberarsi di tutti i suoi possibili concorrenti.