Johnson ko sul ring poi finisce in coma

Las Vegas. Il mondo della boxe col fiato sospeso per Leavander Johnson, campione mondiale Ibf dei leggeri, ultimo avversario (in giugno a Milano) di Stefano Zoff, in coma all’ospedale di Las Vegas dove è stato ricoverato dopo avere perduto per kot incontro e titolo con il messicano Jesus Chavez. Johnson, 35 anni, ha subìto una pesante lezione: l’arbitro ha interrotto il match nel corso dell’11° round e Johnson è stato sottoposto a un primo controllo a bordo ring. Poi in ospedale, il pugile è stato operato alla testa per un vasto ematoma cerebrale. E ora è in coma. Sotto accusa la dottoressa Margaret Goodman che, al termine del 10° round ha fatto proseguire la sfida. «L’arbitro ha fermato l’incontro al momento giusto», ha dichiarato Tony Alamo, membro della commissione medica del Nevada.