Jules-Nicolas Rèche

Primo dei nove figli di un calzolaio di Landroff, vicino a Metz, nacque nel 1838 e presto dovette lavorare per aiutare la famiglia. Fu dapprima cameriere in una casa benestante, poi andò a fare il cocchiere nella cittadina di Raville. Nel 1859, infine, fu assunto come carrettiere in un'impresa edile di Charleville nelle Ardenne. La sera frequentava i corsi per adulti tenuti dai locali Fratelli delle Scuole Cristiane. Nacque così la sua vocazione religiosa e nel 1862 chiese di poter vestire l'abito dei Fratelli. Fu mandato al noviziato di Thionville col nome di fratel Arnould e l'anno seguente destinato al collegio di Reims. Nel 1868, dopo aver conseguito il diploma di maestro a Parigi, cominciò a fare l'istitutore. Nel 1870, scoppiata la guerra franco-prussiana, Metz subì l'assedio tedesco e i Fratelli si adoperarono nel soccorso ai malati e ai feriti. Fratel Arnould in quell'occasione meritò la croce di bronzo al valor civile. Nel 1877 venne nominato direttore del noviziato di Thillois e ci rimase fino al 1890. In quell'anno fu destinato a dirigere la comunità degli anziani a Reims. Non ci durò molto: dopo qualche mese venne colpito da un ictus cerebrale che lo portò alla tomba a cinquantadue anni. Il miracolo che l'ha fatto dichiarare Beato è avvenuto nel 1966. Una francese madre di famiglia era gravissima per un tumore. Data per spacciata, il suo parroco le consigliò una novena a fratel Arnould. Nella stessa notte la donna avvertì una specie di scossa. Era guarita. Ora, permettetemi di segnalarvi La biblioteca delle "Amicizie" di Roberto De Mattei (Bibliopolis).
www.rinocammilleri.it