Julio Cesar troppo distratto, per fortuna c’è Samuel

INTER
5,5 JULIO CESAR. Attento a evitare ogni incertezza e ogni eccesso di disinvoltura. Poi gli torna il virus di Dida.
6,5 ANDREOLLI. Torna titolare dopo quella maledetta notte di Champions. Ripropone il meglio del repertorio: saldo in fase difensiva, inattaccabile di testa.
7 SAMUEL. Nei guazzabugli difensivi sembra un macigno che schiaccia tutti. In attacco mette paura.
6 MIHAJLOVIC. Un po’ di ruggine, ma il solito piedone c’è sempre e lo usa.
6 BURDISSO. Terzino vecchio stile in difesa, quando attacca sfarfalleggia.
6 SOLARI. Segna di tacco e si esalta: corre tanto e sbaglia molto. Se non avesse segnato il gol dell’uno a zero sarebbe stato da 4,5. 6 STANKOVIC (dal 29’ st). Entra e rischia il gol.
7 PIZARRO. Prende in mano il gioco e fa bella mostra di sé: spiccio, solido, centrato, utile. Sarà merito degli ex compagni.
6 C. ZANETTI. Ormai va solo di routine, deve aver già staccato la spina. Però non perde in affidabilità.
6,5 KILY. Ritrova qualcosa del vecchio animo da combattente e si dimostra più vivace ed efficace rispetto alle ultime partite. 5,5 CESAR (dal 29’ st). Ancora spaesato.
5,5 CRUZ. Fascia da capitano e guizzi da centravanti di razza. Tenta un po’ di tutto e sbaglia un po’ troppo.
5 MARTINS. Non sanno mai come prenderlo, pure i compagni. Schizza come un folletto e talvolta ci prende: vedi il gol di Solari.
6 All. MANCINI. Troppo spreco.

UDINESE
7 DE SANCTIS. Se la vede brutta, evita grandinate.
5,5 BERTOTTO. Sofferenza con qualche resurrezione.
5 NATALI. Rischia il mal di testa quando vede sgusciare gli attaccanti nerazzurri.
5 JUAREZ. Affanno continuo nell’intercettare palloni e uomini. 6 ZAPATA (dal 1’ st). Più sicuro dell’altro.
5,5 PIERI. È il primo dell’Udinese ad andare al tiro, dopo 36 minuti. Scolastico nel gioco difensivo.
6 VIDIGAL. Galleggia tra centrocampo e attacco, ed ogni tanto ha il mapo che conquista.
6 BARONIO. Movimiento lento. E da quello non si scolla.
5 TISSONE. Picchia, sbaglia, fa assist per gli avversari.
5 LAZZARI. Troppo spesso pesce fuor d’acqua. Dopo un tempo lascia la compagnia. 5 CANDELA (dal 1’ st). Poca consistenza.
5 PEPE. Ci voleva un po’ di pepe, ma quello vero per svegliarlo. Invece continua a dormire.
6 BARRETO. Alla lunga diventa pericoloso.
S.V. All. GALEONE. Coraggio, c’è di peggio in giro.
6 Arbitro SACCANI. Dubbio sul gol di Solari: fuorigioco?