Juve-D’Albertis, il sogno continua

Diego Vigne

La Juventus alla D’Albertis: la storia continua.
Continua con grande successo l’iniziativa «Juvesoccerschool» in collaborazione con la società «D’Albertis» del quartiere di San Fruttuoso. Il giorno 24 gennaio c’è stata la terza visita da parte di un tecnico della società bianconera: in questo caso si è trattato di un personaggio di grande spicco come il signor Carlo Margaria, coordinatore didattico dell’iniziativa e allenatore del settore giovanile di Juventus Fc. A differenza delle altre volte la società genovese ha optato per una visita prettamente tecnica, con la visione solamente dei ragazzi presso i campi di gioco, tralasciando la presentazione serale in teatro, a testimonianza di come con l’avanzare della stagione si cerchi di capire quali sono i primi risultati. Infatti il signor Margaria accompagnato dal presidente della «D’Albertis», il dottor Perpignano, si è recato già nel primo pomeriggio presso la struttura di allenamento situata nel quartiere ponentino di Pegli nella zona di via Ungaretti, visionando dapprima i campi da gioco, e poi partecipando attivamente insieme ai bambini e ai tecnici genovesi alla giornata di allenamento. Molto contenti sembravano essere soprattutto i ragazzi, visto che il mister juventino ha dato vita ad una seduta molto divertente e coinvolgente, non lesinando grandi complimenti ai partecipanti. «I ragazzi sono molto recettivi, e i loro tecnici stanno facendo un ottimo lavoro», sono state queste le parole con le quali il tecnico bianconero ha concluso l’allenamento, a dimostrazione di come la società cittadina creda fermamente in questo progetto e lo stia portando avanti con grande professionalità e dedizione, come ha più volte confermato il signor Margaria: «La D’Albertis si sta confermando a buon livello e i suoi tecnici stanno proseguendo secondo le direttive che Juventus ha dato loro all' inizio del cammino». Da parte sua il presidente, il dottor Perpignano, si è detto molto contento della situazione: «Il mio obiettivo è quello di far diventare questi ragazzi dei veri sportivi; quello che mi spinge a proseguire su questa via è la mia grande passione per i bambini». Come si vede da queste dichiarazioni quindi si prosegue secondo una precisa e ormai consolidata unità di intenti: questa darà sicuramente nuovo slancio all’ultima parte di questo percorso che stanno compiendo assieme Juventus e D’Albertis. In particolare in occasione della partita casalinga della vecchia Signora con l’Empoli, due bambini della società genovese hanno accompagnato nella loro entrata in campo due campioni come Trezeguet e Vieira: un momento per loro davvero entusiasmante. Anche i genitori che hanno seguito l’allenamento si sono detti molto felici di questa collaborazione con la Juventus perché è sinonimo di grande serietà con metodi che mirano soprattutto alla crescita mentale del ragazzo senza avere grosse esasperazioni dal punto di vista fisico.Insomma tutto lascia prevedere che si possa proseguire anche nella prossima stagione.