La Juve a Genova si riprende Criscito

«Criscito tornerà alla Juventus, non ci sono dubbi». Parole di Claudio Ranieri che chiude ogni possibilità di future permanenza sulla sponda rossoblù di Genova del terzino sinistro che, nei primi mesi di questa stagione, giocò molto poco a Torino tanto da chiedere alla Juve di essere ceduto e fare il suo ritorno con la maglia del Grifone, «considero Criscito un giovane di grande valore che in questo campionato ha migliorato il suo livello qualitativo. Farà parte della Juventus che il prossimo anno giocherà la Champions League» ha concluso.
Ha scelto proprio Genova l’allenatore della Vecchia Signora per dare un piccolo dispiacere a mezza Superba. L’occasione per la quale il tecnico si trovava in Liguria è stata la presentazione del «Costa Cruises Juventus Asia- Pacific Tour 2008», la tournèe primaverile che la squadra bianconera disputerà in Cina e Australia nella seconda metà di maggio. Tre tappe con altrettante partite amichevoli che impegneranno la squadra di Ranieri a Hong Kong, Shangai e Melbourne. Un viaggio firmato dalla Costa crociere che metterà a disposizione della società una delle sue ammiraglie ed accompagnerà i bianconeri alla scoperta del mercato asiatico: «Siamo lieti di poter rafforzare la partnership che abbiamo con la Juventus - ha detto l’amministratore delegato di Costa Pier Luigi Foschi-, perché parliamo di un marchio vincente che con noi condivide tradizione, prestigio e popolarità. In più abbiamo apprezzato non poco il modo di rilanciarsi che si è data la Juve dopo la retrocessione e andremo avanti insieme».
Un’altra stagione di sponsorizzazione dunque tra la Costa e la Juve, firma suggellata proprio a bordo della Costa Mediterranea nel porto di Genova per la presentazione di questo tour asiatico: «Usciamo dai confini nazionali ed europei per sviluppare la nostra strategia in un continente dove il marchio Juventus continua a valutarsi- ha commentato l’ad juventino Jean Claude Blanc-. Andiamo in Cina e Australia con l’idea di far crescere il bacino di simpatizzanti».
Non solo un evento di marketing ma per Ranieri e lo staff tecnico anche un momento per valutare alcuni giocatori nuovi, «complici europei e mondiali ne chiederemo ad altre società e potremo valutare da vicino giocatori che possono essere interessanti», ma dalla Cina Ranieri tornerà anche un giocatore asiatico. La Juve, infatti ha stretto un accordo con le squadre contro le quali giocherà e il giocatore che il tecnico bianconero riterrà più opportuno si guadagnerà un anno di stage con la Vecchia Signora. Il calendario delle partite bianconere prevede il 22 maggio la gara contro il South Cina ad Hong Kong, il 24 triangolare a Shangai con Shenhua e Parma e il 30 amichevole a Melbourne contro il Melbourne Victor City.