La Juve polverizza i Distinti Barasso ha mal di schiena

Luca Russo

Mancano ancora quattro giorni, ma la colonnina del termometro sta già salendo vertiginosamente: la febbre per la partita con la Juventus è già a livelli di guardia. E così ieri all'apertura della prevendita nell'atrio della tribuna d'onore dello stadio Luigi Ferraris sono bastate poche ore per polverizzare gli ultimi biglietti di Distinti che rimanevano dopo i mini abbonamenti, validi per due partite, messi in vendita dal Genoa in occasione del match con loSpezia. Per i ritardatari restano così tagliandi di Gradinata Sud, Gabbia Inferiore e Tribuna Inferiore ,che saranno in vendita anche oggi, solo al Ferraris, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19, e non è difficile ipotizzare che già entro domani sullo stadio appaia la scritta 'tutto esaurito'. Grande attesa dunque per una sfida che manca dal 13 marzo del 1995 quando la squadra bianconera passeggiò al Ferraris con un poker. Il tecnico rossoblù Gian Piero Gasperini, dopo aver tenuto a rapporto tutti domenica mattina, ieri ha affrontato con la squadra un doppio allenamento che ha riservato una spiacevole sorpresa. Nicola Barasso, tanto discusso dopo i gol di Bologna, si è fermato per un problema alla schiena. Lombalgia ha sentenziato lo staff sanitario e così ora la scelta di affidare la porta a Rubinho per l'incontro con la Juventus potrebbe diventare una necessità e non più una scelta tecnica. La situazione del portiere rossoblù verrà monitorata con attenzione oggi pomeriggio così come quelle di Milanetto e Rossi che continuano ad allenarsi a parte mentre resta fermo Biasi, infortunato. In questo contesto c'è poi da registrare l'attesa per il caso Sculli. Tra oggi e domani infatti la Commissione Disciplinare si pronuncerà sul caso dell'attaccante rossoblù coinvolto nella vicenda di una presunta combine che risale al 2002 quando militava nel Crotone. Per il giocatore il procuratore federale Palazzi ha chiesto tre anni e mezzo di squalifica.