Juventus, è Ranieri il nuovo allenatore

Il tecnico guiderà i bianconeri: "Sfida elettrizzante". Contratto triennale: guadagnerà un milione di euro a stagione. Milito e Gilardino i primi obiettivi del mercato. Buffon: "E' la scelta giusta"

Torino - Il nuovo allenatore della Juventus è Claudio Ranieri. C'è anche il comunicato ufficiale della società di corso Galileo Ferraris. Il tecnico che ha traghettato il Parma verso una salvezza insperata e quais impossibile a 10 giornate dalla fine della stagione ha accettato la sfida della rifondazione bianconera. La stagione del rilancio della Vecchia Signora in serie A. Scommessa triennale per l'ex allenatore di Cagliari, Napoli, Firoentina, Valencia e Chelsea che, lasciando Parma, era già convinto di approdare al Manchester City prima della chiamata della Juve. Modeste (rispetto alla concorrenza) le cifre dell'accordo: si parla di un milione di euro a stagione.

Mercato E Ranieri, al contrario di Deschamps, che ha sbattuto la porta proprio per divergenze economiche, sembra l'uomo giusto per rilanciare la squadra nella massima serie, nonostante la società abbia scelto la linea da ministero "senza portafoglio". La Ifil (scossa anche dalle beghe ereditarie di casa Agnelli) non ha intenzione di svenarsi per la Juve. Si acquisterà dopo aver venduto, allora. E se per l'attacco la quasi certa partenza di Trezeguet sarà usata per arrivare a Gilardino, in rotta con il Milan e con Ancelotti, e a Iaquinta (ha già sostenuto le visite mediche, c'è l'accordo per 8 milioni di euro). Per il centrocampo si punta sul francese del Liverpool Sissoko, dopo l'accordo col bosniaco del Bayern Salihamidzic. In difesa è già stato ingaggiato il ceco dell'Ajax Grygera e tornerà il giovane Criscito dal Genoa. Poi si punta a Milito del Saragozza (il fratello del "Principe" ex genoano).

La benedizione di Buffon Il primo sì significativo al nuovo tecnico bianconero arriva dal numero uno della Juventus, Gianluigi Buffon. "Mi sembra una scelta giusta, oculata", ha detto il portiere della Nazionale. "Mi ero già espresso nei giorni scorsi - ha aggiunto Buffon - non conosco direttamente Ranieri, ma a pelle mi sembra una persona che ha una buona immagine. Ha esperienza nei club internazionali, e ha mostrato le sue capacità in situazioni difficili".

Ranieri: "Una sfida elettrizzante" "È una sfida bella, difficile ed elettrizzante. È una grandissima opportunità. Mi è stata prospettata la possibilità di riportare al più presto la Juventus nelle posizioni che le competono. È una sfida elettrizzante che non mi fa tremare i polsi". Claudio Ranieri comincia così l’avventura da allenatore della Juventus. La trattativa è nata in modo sorprendente. «" stato un fulmine a ciel sereno, non me l’aspettavo. Avevo letto sui giornali il mio nome, ma mi domandavo se fosse vero. Poi, invece, c’è stata la prima telefonata e questo mi ha fatto piacere". La squadra sarà un "mix tra campioni e giovani di grandissime potenzialità. Non ho messo paletti per quanto riguarda il mercato. Nomi? Non li facciamo certo a voi...". Ancora nessun contatto con i big che sono a sua disposizione. "Non ho parlato con nessuno dei giocatori, in questi giorni ho staccato il telefono". Gigi Buffon ha espresso giudizi positivi sul tecnico. "Avere Buffon a disposizione è una gran cosa. Poter contare su di lui, così come sugli altri componenti dello zoccolo duro, è fondamentale. Saranno Buffon, Del Piero e Nedved a far crescere gli altri".