La Juventus ricorrecontro Figc e Interper lo scudetto 2006

La società, ritenuta estranea ai fatti nella sentenza di primo grado che ha condannato Moggi, chiede i danni per "illegittimo esercizio dell'attività amministrativa

In primo grado la Juventus è stata dichiarata "estranea ai fatti" nel processo Calciopoli. Per questo motivo la società ha deciso di rivolgersi al Tar del Lazio chiedendo a Figc e Inter il "risarcimento del danno ingiusto subito dall’illegittimo esercizio dell’attività amministrativa e dal mancato esercizio di quella obbligatoria in relazione ai provvedimenti adottati dalla Figc nell’estate del 2006 e del 2011".

Già quest'estate Andrea Agnelli aveva annunciato il ricorso al Tnas (Tribunale nazionale di arbitrato dello sport) per la revoca dello scudetto 2006 all'Inter, dopo che la Figc si era rifiutata di pronunciarsi denunciando una "mancanza di parità di trattamento e le illecite condotte che l’hanno generata ottenendo il risarcimento agli ingenti danni che sono prudenzialmente stimati in diverse centinaia di milioni di euro per minori introiti, svalutazione del marchio, perdita di chances e di opportunità, costi e spese", prosegue la nota.