Kakà La felicità è un pallone svirgolato

di Marco Lombardo
È proprio vero: la felicità è un attimo. Un colpo di testa, un pallone svirgolato e il mondo appare tutta un’altra cosa. Chissà, forse era già felice Kakà ieri sul prato di San Siro dove ha riconquistato i suoi spazi: mancava il compagno di banco, quello bravo ma un po’ invadente, ma non è mai stato un problema, no? Lo ha detto pure Ancelotti che Kakà non è mai stato triste, lo ha ribadito pure Adriano Galliani: «Prima di prendere Ronaldinho ho telefonato a Ricardo. E lui non era felice: era strafelice».
Forse, dicono, perché nelle ultime giornate la faccia non assomigliava a un Pallone d’oro, anzi. Dicono. E anche ieri, mentre il Catania si arroccava disperatamente alla ricerca di uno 0-0, Kakà girava nei suoi spazi ritrovati un po’ sconsolato, perché i suoi compagni non capivano bene tanto daffare. E allora ecco un primo tiro un po’ molle, poi un altro che Bizzarri solletica tanto da farlo finire sul palo e meritandosi i suoi complimenti. Perché Kakà forse non era felice, però non ha mancato di stringere la mano agli avversari e di applaudire i compagni, ad ogni intesa mancata, ad ogni passaggio a vuoto. Kakà giocava da Kakà, erano il mondo intorno a non volerlo capire. Poi, improvvisamente, l’attimo: un colpo di testa, il pallone svirgolato, la liberazione. Kakà è tornato quello di sempre, così almeno è sembrato guardandolo mentre urlava al cielo. Ed allora è proprio vero che la felicità è un momento: arriva quando meno te l’aspetti e può anche durare. Pure se domenica torna Ronaldinho.