Kamikaze a Islamabad Almeno cinque feriti all'aeroporto

Un attentatore suicida, scoperto dai poliziotti, si è fatto esplodere di fronte all'ingresso della sala vip dell'aereoporto internazionale di Islamabad, provocando il ferimento di almeno cinque persone

Islamabad - Un attentatore suicida si è fatto esplodere di fronte all'ingresso della sala vip dell'aereoporto internazionale di Islamabad, provocando il ferimento di almeno cinque persone, fra cui due agenti della sicurezza. Subito dopo essere stato bloccato all'entrata dello scalo, l'attentatore ha aperto il fuoco e si è poi fatto saltare in aria. A renderlo noto è il funzionario della sicurezza dello scalo, Akram Khan.
Secondo la prima ricostruzione, il kamikaze era diretto verso l'area dello scalo riservata ai vip e ha aperto il fuoco contro agenti della sicurezza che lo avevano intercettato: due di loro sono rimasti feriti. Vistosi scoperto, l'uomo si è fatto saltare in aria. La polizia ha isolato l'intera area dell'aeroporto.
Nelle ultime due settimane il Pakistan è stato scosso da una serie di attentati. Il 26 gennaio un kamikaze si fece saltare in aria davanti l'ingresso del Marriot Hotel, nel centro di Islamabad: persero la vita l'attentatore e l'agente che lo aveva bloccato all'esterno dell'albergo. Il giorno seguente un attentato suicida nella città nordoccidentale di Peshawar fece 14 morti, tra cui sei agenti. Il 29 gennaio una bomba uccise un agente a un posto di blocco a Dera Ismail Khan e sabato scorso l'esplosione di un'autobomba nella città di Tank uccise due soldati.