Kamps, più vicina la pace Bpi-Barilla

da Lodi

Si intravede lo spiraglio per una soluzione a breve nella vicenda Kamps-Bpi. Era tutto fermo all’arbitrato finora. Qualche segnale di dialogo sulla validità della cosidetta «put» (il gergo tecnico con cui si indica un’opzione a vendere) in mano a Bpi sul 49% della società tedesca erano arrivati nei mesi scorsi ma, poi, tutto sembrava essersi incagliato su posizioni inamovibili. Lo aveva confermato lo stesso Guido Barilla a Milano poco più di un mese fa: «Ognuno vuole avere ragione - aveva detto». Ora la svolta: nel consiglio d’amministrazione di ieri, il neo ad di Bpl spa Massimo Minolfi ha presentato un’informativa in materia nella quale si spiega che si è pronti a transare in modo da non ascrivere ulteriori perdite in bilancio. I contenuti di questa transazione verranno stesi nelle prossime settimane.