Karakorum e Italia a confronto

Nell'ambito delle giornate della cooperazione promosse dal ministero degli Affari Esteri, il Comitato Ev-K2-Cnr ha organizzato il convegno «Italia-Karakorum - dall'esplorazione alla cooperazione» (ricordiamo che il Karakorum si trova in Pakistan, nella parte occidentale della catena himalayana e annovera, fra le sue cime, il K2) che si è tenuto giovedì 24 novembre a Roma. Il summit era inserito nella «Giornata dell'Asia e del Pacifico» organizzata dalla Farnesina per celebrare le attività e le relazioni dell'Italia con i Paesi asiatici. Al convegno hanno partecipato alte cariche dei governi italiano e pakistano. Si è parlato, fra l'altro, del terremoto che ha investito il Pakistan e dell'iniziativa Karakorum Trust che, oltre allo sviluppo delle aree nord del Pakistan, si sta muovendo sul fronte della ricostruzione post-terremoto. A questo proposito ricordiamo che è nei mesi e negli anni successivi che i sopravvissuti devono affrontare le difficoltà di una vita quotidiana priva dei più elementari elementi di sussistenza: l'acqua, la casa, il cibo, l'igiene. Le stime della tragedia parlano di 80mila vittime e 4 milioni di senzatetto. Per chi potesse portare il proprio aiuto segnaliamo, oltre a Caritas e Croce Rossa Italiana:
Karakorum Trust - Cesvi: www.montagna.org - www.evk2cnr.org - www.cesvi.org - 800.036.036
L'Unhcr (L'Alto Commissariato delle Nazioni unite per i Rifugiati): Numero verde 800298000 - www.unhcr.it.
Unicef: numero verde 800.745.000 - www.unicef.it.
Save the children: www.savethechildren.it/donazioni/pakistan.