Karbon, uno slalom di sfortuna

Come Nadia Fanchini, anche Denise Karbon ha chiuso la sua stagione infortunandosi in un allenamento di slalom in Val di Fassa: la gigantista, bronzo ai Mondiali, si è rotta il malleolo della caviglia destra. È l'ennesimo stop di una carriera ricca di gioia e di sofferenza. Il primo infortunio nel marzo ’93, rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro; stesso anno, il giorno in cui rimise gli sci, Denise cadde e si ruppe il femore; nel ’98 ancora rottura del legamento crociato del ginocchio destro, nel 2002 rottura del radio del braccio destro. E nell'estate 2004 rottura del legamento crociato e del menisco mediale e laterale del ginocchio sinistro. Denise era riuscita a tornare fra le più forti, ma è durata poco: «Ho ancora nella testa la medaglia di Are che mi dà coraggio, almeno stavolta le ginocchia hanno tenuto. Andrà tutto bene!» ha detto con stoicismo.
Ieri intanto nella supercombinata che ha visto l'esordio di Tarvisio in coppa del mondo, vittoria per l'austriaca Hosp davanti a Mancuso, Schild e Paerson. Bene l'azzurra Schnarf, nona, peccato invece per la Merighetti, quarta in discesa e caduta in slalom.
Oggi discesa donne a Tarvisio (diretta Eurosport e Rai 2 alle 11.45) e gigante uomini a Kranjska Gora (diretta 2ª manche alle ore 13 su Eurosport).