Kaspar Stanggassinger

Secondo dei sedici figli del sottoprefetto dell’Alta Baviera, nacque nel 1871 a Unterkälberstein. Dopo il diploma a Freising e una grave malattia che lo portò quasi in fin di vita, si fece terziario francescano e si iscrisse al seminario. Ma era affascinato dai Redentoristi di Dürrnberg e, dopo un pellegrinaggio al santuario mariano di Altötting, decise di vestirne l’abito. Solo che quell’ordine venne espulso dalla Germania dalle leggi bismarckiane del Kulturkampf anticattolico, e lo Stanggassinger dovette pronunciare i voti in Austria. Nel 1895 ricevette l’ordinazione sacerdotale e fece richiesta di poter partire missionario in Brasile. Ma i superiori si accorsero che era maggiormente dotato come formatore e lo mandarono a fare il vicedirettore del seminario di Dürrnberg. Qui si distinse subito per il suo particolare approccio: quantunque i canoni pedagogici dell’epoca privilegiassero la durezza, stimata atta a temprare il carattere, lui preferì la persuasione e l’amichevolezza. Dopo il sostanziale fallimento della politica anticattolica tedesca, i Redentoristi poterono aprire un loro seminario in Baviera, a Gars, e ne affidarono la direzione allo Stanggassinger. Era il settembre del 1899 e il sacerdote bavarese aveva solo ventotto anni. In capo a due settimane cominciò a sentirsi male. Seguirono febbre e violenti dolori addominali. I medici lì per lì non riuscirono a fare una diagnosi precisa e solo quando fu troppo tardi si accorsero che si trattava di appendicite acuta. La quale degenerò in peritonite e portò padre Stanggassinger alla morte il giorno dopo. www.rinocammilleri.it