Kate Moss scambia per un idraulico il leader dei conservatori inglesi

La controversa modella incontra David Cameron a un gala, ci parla insieme ma non lo riconosce. Anzi....

da Londra

In Gran Bretagna l'hanno già ribattezzato Cameron, the Tory «plumber». Come il leader del maggior partito d'opposizione inglese si sia guadagnato il soprannome di «idraulico», l'ha raccontato lui stesso ieri sera nel notissimo show di Itv «Parkinson». Alla domanda sui lati più divertenti e insoliti del suo lavoro, quello che soltanto un anno fa era stato votato come il politico inglese più sexy del momento ha raccontato di quella volta che incontrò Kate Moss e lei gli chiese pure il suo numero di telefono. Ma soltanto perché pensava fosse un ottimo idraulico. E quindi, molto, ma molto più utile di un politico.
Solitamente, poter ricordare con gli amici, o in uno studio televisivo, di aver fatto quattro chiacchiere a tu per tu con una delle modelle più pagate del mondo dovrebbe essere una piacevole esperienza. In questo caso però, il giovane leader dei Tories forse avrebbe preferito dimenticare del tutto l'episodio. L'averlo raccontato di fronte alla platea televisiva del sabato sera dimostra forse che la bella Kate non è rimasta molto colpita dalle sue proposte politiche, ma anche che David ha un ottimo senso dello humour.
Ad ogni modo le cose sono andate così: i due si trovavano entrambi ad un galà di beneficenza quando sir Philip Green, il proprietario di Topshop, l'azienda di moda per cui lavora anche la Moss, ha chiesto all'amico Cameron se volesse incontrare la modella. «Certo che voglio», ha immediatamente risposto David per pentirsene un secondo dopo. «Che cosa diavolo le dirò», mi sono chiesto mentre tornavo a sedermi al mio tavolo - ha raccontato Cameron - poi mi sono ricordato che la signorina possiede una casa nella mia circoscrizione, nell'Oxfordshire, l'area che quest'estate è stata colpita da una terribile ondata di maltempo. Così le ho detto che mi dispiaceva per l'allagamento della sua casa». Cameron ha anche ricordato di sapere che il pub locale era stato sommerso dall'acqua e di essere al corrente che potrà venir riaperto al pubblico entro i prossimi sei mesi. Sono andati avanti così per un bel po', ciarlando di alluvioni e drenaggi tanto che la Moss ad un certo punto ha detto a Cameron: «Santo cielo, tu sembri veramente un uomo che può venir utile, posso avere il tuo numero di telefono?».
Il leader conservatore è tornato al proprio tavolo ed ha annunciato agli amici: «La buona notizia è che Kate Moss ha voluto il mio numero di telefono, quella cattiva è che credo che lei sia convinta che il mio mestiere abbia a che fare con gli scarichi fognari». Se le cose sono andate così l'aitante David ha colto nel segno. La bella Kate non si ricorda nemmeno una delle sue arringhe politiche alla Camera dei Comuni, ma può star certo che se l'avesse riconosciuto, del suo numero telefonico non le sarebbe importato un fico secco.
Ma volete mettere al giorno d'oggi, l'importanza di un idraulico rispetto a quella di un politico? Anche se si tratta di uno di bell'aspetto, educato ad Eton, tanto attento all'ambiente da andare in ufficio in bicicletta, che volete che valga in confronto all'uomo di fiducia che corre quando ti si allaga la casa o anche soltanto il bagno, che ti salva quando ti scoppia un tubo in cucina e tu non sai a che Santo votarti. Magari costerà anche un po' caro, probabilmente è l'idraulico dei vip, avrà pensato la Moss dopo averlo incontrato ad una serata di beneficenza, ma che importa. Se sa far bene il suo lavoro, varrà la spesa. Troppo banale a questo punto, giudicare l'ignoranza politica della signorina in questione, non sarà certo lei l'unica ad ignorare l'esistenza del buon Cameron e lui alla fine può dirsi soddisfatto. Quanti dei suoi elettori l'hanno mai definito «a really useful guy», «un ragazzo veramente utile»?