Kenya, animatore italiano ucciso durante una rapina

Un giovane di 30 anni, Andrea Pace, di Torino, stava tornando a casa insieme alla fidanzata a Watamu, vicino a Malindi. Ha trovato tre banditi ad aspettarlo. Li hanno derubati poi, fuggendo, hanno sparato alla gamba del giovane recidendo l'arteria femorale. Illesa la giovane

Nairobi - Un animatore turistico italiano, A.P., 30 anni, di Torino è stato ucciso la scorsa notte a Watamu (costa keniana, vicino a Malindi) per rapina. I banditi gli hanno sparato colpendo l'arteria femorale. Per lui non c'é stato nulla da fare. Lavorava in un albergo della costa.

La ricostruzione A.P. aveva passato la serata a casa di amici. Intorno alle tre del mattino è rientrato in casa, accompagnato dalla fidanzata, una ragazza italiana. Vi hanno trovato ad attenderli -rendono noto fonti certe - tre banditi che li hanno fatti sdraiare pancia a terra, derubandoli di quel poco che avevano. Poi hanno fatto per andarsene e, sulla porta, uno dei tre, l'unico armato, ha sparato un colpo contro l'uomo. Probabilmente non voleva uccidere ma colpirgli la gamba: certo, però, che la pallottola ha colpito la zona inguinale recidendo l'arteria femorale: la morte è sopraggiunta veloce. La ragazza é sotto schok, ma è illesa. A.P. lavorava come tour leader per la compagnia turistica italiana la "Eden Viaggi". La polizia sta indagando in tutte le direzioni.