Kevin Costner come il dottor Jekyll: benefattore di giorno, killer di notte

Ecco un bel film sbagliato. L’infelice sceneggiatura dello stesso regista B. A. Evans, accumula, specie nel finale, elementi sufficienti per una saga fanta-psicologica. La storia è tipica di Kevin Costner, che si allontana dalle tematiche hollywoodiane con notevole coraggio. Mr. Brooks è uno stimato benefattore che diventa un assassino gelido spinto dalla sua anima nera, il sempre allarmante William Hurt. In costante conflitto col proprio ego, ma sempre implacabilmente lucido, Brooks, ha il destino segnato; un poliziotto, l’ancora bella Demi Moore, gli sta alle calcagna. Un criminale velleitario gli si affianca per filtrarne le imprese. E una figlia amatissima complica la sua natura segreta. Una curiosa vicenda, un po’ thriller, forse verbosa, ma stimolante. Un brutto/bel film che merita una visita per l’originalità.

MR. BROOKS (Usa, 2007) di Bruce A. Evans con Kevin Costner, William Hurt. 119 minuti