Kia, rivoluzione Rio. Alla berlina resta solo il nome del passato

Solbiate Olona (Varese)La quarta edizione della compatta di segmento B «Rio», se confrontata con la prima (ci è capitato di vederne un esemplare pochi giorni fa in giro per Milano), rappresenta bene l’ampiezza del formidabile balzo evolutivo che il prodotto Kia ha compiuto in un solo decennio.
La nuova Rio, infatti, si presenta come una bella due volumi dal profilo elegante, ben bilanciato e snello nei suoi 4,045 metri. Anche il frontale mostra una interpretazione particolarmente «espressiva» della nuova calandra di famiglia, grazie anche al disegno elegantemente aggressivo dei gruppi ottici, soprattutto nelle esecuzione con gruppi Led.
La piacevolezza dello stile della carrozzeria viene ripresa dall’elegante design dell’abitacolo, che vanta una scelta molto raffinata anche nei materiali. Subito percepibile la cura dei dettagli. L’abitabilità è ottima per cinque adulti, con un vano bagagli che sfiora i 300 litri nella configurazione base, per superare i 900 litri abbattendo i sedili posteriori. La nuova Kia Rio, rispetto alla edizione precedente, reinterpreta il suo ruolo, puntando in primo luogo ad abbattere drasticamente consumi ed emissioni, pur continuando a fornire una elevata qualità di comfort, sicurezza e flessibilità operativa.
La lista dei propulsori disponibili, almeno per il momento, dimostra come i responsabili tecnici della casa costruttrice coreana abbiano ricercato il miglior bilancio tra consumi e prestazioni, proponendo unità di tecnologia molto avanzata, a partire dall’eccellente 1.2 litri a benzina che, dotato di distribuzione a doppio variatore di fase, è in grado di erogare una potenza di 85 cavalli, per un pregevole potenziale velocistico di 175 chilometri orari, ma con un consumo medio di soli 5 litri ogni 100 chilometri percorsi.
Campione di economia, soprattutto nell’impiego urbano dove realizza un consumo medio di soli 3,9 litri per 100 chilometri, è il turbodiesel tre cilindri 1.1 CRDi da 75 cavalli di potenza e 170 Nm di coppia massima, un valido esempio di downsizing che funziona molto bene, visto che riesce ad assicurare un potenziale velocistico adeguato, ovvero 160 orari, con buone doti di accelerazione e velocità massima. Certamente il propulsore più consono a fruire pienamente delle qualità dinamiche di un autotelaio di eccellente livello è il turbodiesel 1.4 CRDi da 90 cavalli e 220 Nm, brillante e grintoso, e capace di un consumo medio di soli 4,1 litri ogni 100 chilometri.
Silenziosa, agile, molto stabile, neutra e precisa, Kia RIO ha anche il merito di essere proposta a prezzi decisamente interessanti, in relazione alla ottima qualità e che partono da 11.790 euro.