«Kidman, arbitrato? C’è anche Suazo»

Tra i pali torna Peruzzi. Davanti la coppia composta da Rocchi e Pandev

Emiliano Leonardi

Per i biancocelesti sembra una normale tappa di avvicinamento alla linea di emersione, questo Lazio-Cagliari che andrà in scena stasera all’Olimpico. Invece il posticipo è un intreccio di sentimenti che il calendario presenta 14 giorni dopo il blitz dei tesserati di Formello in Piemonte e soprattutto dopo una serie di episodi apparentemente lontani dal pianeta calcio: la denuncia choc dell’arbitro Mario Mazzoleni (che fa riferimento proprio all’ultimo «faccia a faccia» fra laziali e sardi avvenuto il 21 gennaio 2006), il dibattimento di mercoledì scorso all’Arbitrato del Coni e i provvedimenti restrittivi inviati venerdì mattina a Giorgio Chinaglia, ai quattro capo-tifosi biancocelesti e al poker di esponenti del gruppo ungherese che sarebbe stato interessato a rilevare il club gestito da Claudio Lotito.
Se poi aggiungiamo che lo sciopero «dedicato» dalla frangia ostile alla dirigenza è pressoché in fotocopia al sit-in inscenato sempre nel match pareggiato (1 a 1) contro gli isolani nove mesi fa, il gioco è fatto. Unica differenza: a gennaio i tifosi della Nord si assieparono sugli spalti all’inizio della ripresa, mentre stavolta salteranno «solamente» i primi dieci minuti di gara. Fortuna che il calcio giocato, a parte i rancori, a volte riesce a cancellare tutto il resto, perfino l’amarezza di una giustizia che spesso pare «accomodata». Ne deriva che i riflettori stasera verranno puntati sui due mister, compagni di avventura nel Pescara sei stagioni fa (il trainer di Bellinzona fu promosso allenatore in seconda proprio dall’attuale tecnico laziale, ndr) che si confrontano di nuovo, dopo i due ko (entrambi per 4 a 1) inflitti da Delio Rossi a Marco Giampaolo la scorsa stagione, quando l’elvetico era al timone dell’Ascoli.
Formazione. Mancherà l’acciaccato Siviglia, e la sua assenza forzata permetterà di sperimentare l’inedita coppia Stendardo-Cribari al centro della difesa. Oddo e Zauri sfileranno lungo le fasce, mentre a centrocampo, al fianco del recuperato Ledesma, giostreranno Manfredini, Mauri e Baronio, con l’ex clivense preferito a Mudingay. In avanti spazio ai soliti Rocchi e Pandev. Dimenticavamo... Torna Peruzzi! L’Angelo di Blera, dopo gli acciacchi fisici delle scorse settimane riparte titolare per agganciare Felice Pulici a quota 202 nella graduatoria legata alle presenze.
Ci sono dunque i presupposti per far bene, per questo Delio Rossi richiama la squadra alla massima attenzione. «In questi giorni si sta parlando di tutto, dal cinema alla nazionale, ma non della gara con il Cagliari che può fare la differenza...». La partita di questa sera, infatti, è una ghiotta occasione per dare ai laziali l’opportunità di cancellare il segno meno dalla classifica, con o senza Arbitrato. «Parliamo di arbitrati, cinema e Nazionale - ha ribadito Rossi - ma ci si dimentica della partita di domenica, quindi mi auguro che da oggi in avanti si inizi a parlare di Cagliari».