Kidman, un’interprete in fuga

Maurizio Acerbi

Fine settimana ricco di proposte interessanti è quello che comincerà venerdì. A partire dall’atteso The Interpreter, la pellicola diretta da Sidney Pollack con la quale Nicole Kidman (nel cast vi è anche Sean Penn) spera di riabilitarsi dopo le ultime controverse interpretazioni. Qui, veste i panni di Silvia Broome, di professione traduttrice per l’Onu, che un giorno ascolta, in maniera involontaria, un dialogo in raro idioma africano, nel quale si espone un complotto contro un capo di Stato. Scoperta, la povera Silvia diventerà il bersaglio principale del killer; per aiutarla a sopravvivere, arriva l’agente federale Tobin Keller.
E che dire de La sposa cadavere, l’insolita pellicola di animazione diretta da Tim Burton che vanta protagonisti come Emily Watson, Johnny Depp, Helena Bonham Carter. Victor sta recandosi dalla sua Victoria per prenderla in sposa. Durante una sosta, vede un ramoscello a forma di dito e gli infila l’anello nuziale recitandone il rito. In realtà, non di ramo trattasi ma di dito di una ragazza assassinata che ritorna così in vita pretendendo di essere riconosciuta, a tutti gli effetti, come la sua reale sposa.
Accompagnato dalla vendita di oggettistica, già anticipata da diverse settimane sui banchi dei negozi di giocattoli, arriva sugli schermi The legend of Zorro con Catherine Zeta-Jones e Antonio Banderas. Ritroviamo uno Zorro con l’anello al dito, che ha sposato la bella Elena de La Vega, pur trascurandola. L’eroe mascherato, infatti, non ci pensa due volte quando si tratta di andare ad aiutare gli oppressi, trascurando la famiglia; inevitabile il divorzio.
Gli amanti di Lars von Trier, potranno gustarsi Manderlay, secondo episodio della speciale trilogia dedicata dal regista agli Usa, iniziata con il prolisso Dogville. In questa pellicola ambientata negli anni Trenta, che precede quel Washington che chiuderà la triade, troviamo come protagonista una giovane donna del Sud che viaggiando scopre cosa sia la schiavitù.
Qualcuno ricorderà il piacevole L’appartamento spagnolo nel quale lo studente Xavier effettuava, tra mille peripezie, una vacanza studio in Spagna. Ora, in Bambole russe, lo ritroviamo trentenne e scrittore. Scrivere però non rende; per non parlare dei problemi che il giovane ha anche con le donne, tante sì ma storielle senza futuro. Per sbarcare il lunario, Xavier fa il giornalista, scrive sceneggiature televisive, fa il ghostwriter; il tutto, con grande confusione.
La rosa bianca - Sophie Scholl racconta la storia di un gruppo di universitari che durante la Seconda Guerra Mondiale, a Monaco, si ribella al nazismo dando vita al movimento denominato «La rosa bianca» del quale Sophie Scholl è l’unica donna a farne parte.
Shanghai Dreams è ambientato negli anni Sessanta. Il governo invoglia molte famiglie cinesi a lasciare le città per rilanciare le industrie locali in regioni povere del Paese. Una diciannovenne è però frenata dal padre che è convinto che il loro vero futuro sia a Shanghai.
Infine, Valiant racconta la storia di un giovane piccione che, nonostante una corporatura esile, entra nella Squadra dei Piccioni Viaggiatori al Servizio di Sua Maestà.