Il killer del benzinaio «Mi inginocchio davanti alla vedova»

«Vorrei poter chiedere scusa e perdono alla signora Maver mettendomi in ginocchio davanti a lei. Se mi prendesse a sberle ne sarei felice perché lo farebbe come una mamma. Spero che la signora Maver possa un giorno perdonarmi». Sono le parole di Davide Ciancaleoni, il giovane di Lecco in carcere per aver ucciso la sera del 25 dicembre 2004, durante un tentativo di rapina, il benzinaio 61enne Giuseppe Maver sparandogli un colpo di pistola al cuore. Ciancaleoni mercoledì si è visto appesantire la condanna inflitta con rito abbreviato a Lecco e passata da 20 a 30 anni di reclusione.