Klinsmann: «Eravamo convinti di vincere questo mondiale»

Beckenbauer: «Gli italiani più intelligenti e più fortunati di noi»

nostro inviato a Dortmund

Erano convinti di diventare campioni del Mondo, adesso piangono: «Ora siamo tutti distrutti, è normale dopo una gara come questa. C’è grande delusione - Jurgen Klinsmann, il ct tedesco, non trattiene l’emozione che gli ha lasciato la partita -. Il nostro grande sogno di andare a Berlino è svanito e ci vorrà del tempo per dimenticare questa serata. Ma questi ragazzi hanno giocato un torneo fantastico e io sono orgoglioso di questi giocatori. Siamo arrivati a questo mondiale con un gruppo giovane, non avevamo molto esperienza, ma abbiamo dimostrato il valore di questi ragazzi e ci sono già molti club stranieri che si sono interessati a loro. Siamo fieri di tutto quanto abbiamo fatto, all’Italia non possiamo che fare i complimenti, noi abbiamo avuto la nostra occasione e non abbiamo saputo sfruttarla. Abbiamo sempre giocato all’attacco, l’intero Pese deve essere contento di noi. Germania e Italia hanno risvegliato passioni che sembravano dimenticate. Ora il nostro obiettivo si sposta sulla finale per il terzo posto». Jurgen è evidentemente amareggiato: «Oggi è un giorno in cui non si può essere soddisfatti, è un giorno triste, ma per come si è comportata la squadra tutto il Paese può essere orgoglioso. Noi abbiamo una squadra molto giovane - ha ribadito nuovamente -, hanno messo tutto in campo sin dal primo giorno e fino all’ultimo. Hanno dato il cuore e l’anima. L’Italia ha avuto delle occasioni nei tempi supplementari, ha colpito un palo e una traversa. Ma anche noi abbiamo avuto la possibilità di segnare un gol. Tuttavia faccio i complimenti all’Italia, e facciamo agli azzurri gli auguri per la finale di domenica. Noi siamo andati al limite massimo in ogni partita. Fino ai due gol dell’Italia eravamo convinti di poter diventare campioni. Il calcio scrive di queste storie, per questo è affascinante. I ragazzi adesso sono tristi. L’amarezza per una sconfitta arrivata nel finale di partita è grande, è difficile parlare ora».
Franz Beckenbauer lo ha invitato a rimanere sulla panchina tedesca. «Ma io non so cosa farò - ha replicato Klinsmann -. Ho pensato a molte cose negli ultimi due anni e adesso non è facile prendere una decisione in due giorni». Il Kaiser Franz è evidentemente scosso ma accetta la sconfitta: «Noi abbiamo fatto una grande partita ma alla fine l’Italia ha meritato la vittoria, però non capisco come mai, con attaccanti così bravi, abbia giocato con una sola punta. Questa è stata una delle più belle partite viste in questi ultimi tempi, gli italiani sono stati più abili e anche più fortunati dei tedeschi».
Il capocannoniere Miroslav Klose avrà ancora la finale del terzo e quarto posto per migliorare la sua classifica, ma è evidente che si aspettava un’altra finale: «Fa male uscire così, è stata una partita equilibrata, potevamo segnare noi o loro, ci sono riusciti gli azzurri e a loro va il nostro applauso».